POS obbligatorio dal 30 giugno ma senza sanzioni

Il Governo conferma che l'obbligo di dotarsi del POS e accettare pagamenti bancomat sopra i 30 euro non comporta sanzioni: la norma, il dibattito, i dubbi.

POS

A poche giorni dal 30 giugno, data in cui scatta l’obbligo per negozi e professionisti di dotarsi di POS, arrivano le precisazioni del governo sulla non applicazione di sanzioni per inadempienza alla norma: lo ha dichiarato il sottosegretario all’Economia, Enrico Zanetti, in commissione Finanze alla Camera. Si tratta di una conferma di interpetazioni già avanzate da Consulenti del Lavoro e Consiglio Nazionale Ingegneri.

=> Obbligo POS dal 30 giugno: cosa cambia

Il punto è che l’articolo 15, commi 4 e 5, del Dl 179/2012 – poi modificato dal Milleproroghe 2013 (che ha spostato la scadenza al 30 giugno) -  prevede che commercianti e professionisti siano «tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito» ma non indica alcuna sanzione. Quindi?

Intepretazione normativa

Quinsi, secondo il Consiglio Nazionale Forense,  se davanti alla richiesta del cliente il professionista non acconsente al pagamento elettronico perché sprovvisto di POS non rischia nessuna sanzione. Ritengono infatti gli avvocati che si tratti di:

«un onere piuttosto che un obbligo giuridico, e il suo campo di applicazione è necessariamente limitato ai casi nei quali saranno i clienti a richiedere» di pagare con il bancomat.

Simile l’interpretazione  del Consiglio Nazionale degli Ingegneri: il professionista dovrà porsi il problema solo nel momento in cui il cliente manifesti l’intenzione di ricorrere a questa forma di pagamento. Si suggerisce anche una soluzione:

«professionista e cliente concordino preventivamente e per iscritto, al momento dell’incarico, la modalità con la quale il pagamento sarà effettuato».

Gli ordini professionali protestano contro il nuovo “obbligo” a causa dei costi: l’adempimento rappresenta infatti un onere per il professionista e per il commerciante, a vantaggio delle banche. Si chiede pertanto una norma che azzeri i costi di installazione e gestione dei POS.

Indicazioni di legge

La norma prevede l’obbligo di accettare i pagamenti in moneta elettronica per acquisti sopra i 30 euro. Chiarito che, almeno al momento, non ci saranno sanzioni e quindi chi non adempie non rischia nulla, la domanda è: se il cliente chiede di pagare con il bancomat e il professionista ne è sprovvisto, il cliente è tenuto a pagare in contanti o sotto altra forma, oppure anche lui non rischia nulla se non paga? Secondo il Consiglio Nazionale Forense, questa situazione determina effettivamente

«la mora del creditore che, come noto, non libera il debitore dall’obbligazione».

Significa che il cliente deve pagare, mentre il professionista non rischia nulla perché, nel caso specifico, non esiste sanzione!

Visti i dubbi (relative all’estensione di queste interpretazioni ai commercianti), sarebbe il caso di emanare, entro il 30 giugno, precisazioni ufficiali…

X
Se vuoi aggiornamenti su POS obbligatorio dal 30 giugno ma senza sanzioni

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy