Skype 5 porta le videoconferenze multiutente

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Il nuovo Skype 5 punta con particolare vigore sulle videoconferenze multiutente, offrendo la possibilità di discutere con ben 10 utenti in contemporanea

Skype 5, l’ultima versione del popolare programma VoIP, si arricchisce di alcune importanti funzionalità in ambito business, tra le quali spicca la possibilità di effettuare videoconferenze multiutente. A differenza della versione client, però, l’edizione business di Skype non offre alcuna integrazione con gli account Facebook.

Il rinnovato strumento per le videoconferenze (attualmente in versione beta) permette di comunicare con un numero massimo di 10 utenti in contemporanea, con la possibilità di inviare messaggi istantanei e di condividere file, oltre ad una particolare modalità tramite la quale visualizzare automaticamente sullo schermo solamente chi sta parlando in un dato momento.

Si tratta di elementi in grado di dare un forte impulso all’utilizzo di Skype in ambito lavorativo, che può diventare così il vertice di veri e propri meeting virtuali o punto di unione per diversi team di lavoro i cui singoli partecipanti si trovano anche a notevoli distanze fra loro. Lo strumento per le videoconferenze di gruppo viene offerto alle aziende in versione Trial per 28 giorni, terminati i quali il servizio diverrà a pagamento.

Skype 5 si presenta inoltre con una interfaccia grafica rinnovata, decisamente più elegante e pulita, e introduce Skype Home, funzione tramite la quale seguire i propri contatti, impostare il proprio profilo e messaggio relativo al proprio mood, ricevere notifiche sullo stato della connessione e imparare ad usare meglio il programma, scoprendo anche le funzionalità più “nascoste”.

Migliorata inoltre la qualità generale delle videochiamate e aggiunta la possibilità di impostare il recupero automatico delle chiamate, che riconnette autonomamente Skype nel caso di problemi riconducibili alla connessione. La versione business di Skype offre inoltre agli amministratori la capacità di impostare la gestione delle policy, con la possibilità di restringere l’accesso a funzioni quali le videochiamate e la condivisione dei file.