Google Apps, cosa va storto? Te lo dice Status Dashboard

di Noemi Ricci

scritto il

In nuovo servizio Google monitorerà lo stato delle Apps, per prevenire le crisi da panico come quelle dei giorni scosi a seguito del blocco di GMail, che ha prodotto disagi soprattutto tra i clienti business

Ben accolto dagli utenti il nuovo Google Apps Status Dashboard che – sulla scia dei servizi offerti da Salesforce.com e Amazon – monitorerà lo stato delle Apps e visualizzerà i risultati sotto forma tabellare.

Questo, dopo il caos dei giorni scorsi, quando molte imprese sono rimaste “sconnesse” da documenti e posta elettronica su GMail, senza poter conoscere da subito motivi e tempi del disservizio.

Per ristabilire la fiducia dei clienti e prevenire fughe di utenti dai suoi servizi online, Google è corso subito ai ripari: d’ora in poi gli utenti professionali avranno a disposizione uno strumento in più per verificare lo stato di servizio delle applicazioni Web targate Google e conoscere in tempo reale quali servizi online stiano subendo dei problemi temporanei.

I servizi interessati saranno GmMil, Google Calendar, Google Talk, Google Docs, Google Sites e Google Video for business.

Lo scopo è aumentare il livello di trasparenza e migliorare la comunicazione tra Google e gli utenti, soprattutto business, ed evitare il “panico” scatenatosi martedì scorso, quando il panico si è diffuso in rete proprio a causa della non conoscenza dello stato reale del manfunzionamento.

Probabilmente le cose sarebbero andate diversamente se gli utenti avessero saputo cosa ha causato il blackout e che questo sarebbe durato solo poco più di due ore.

In qualsiasi momento, dunque sarà possibile conoscere, per le applicazioni che stanno subendo un malfunzionamento dove risiede il problema, cosa sta accadendo e quando si prevede che venga ristabilita la sua normale esecuzione.

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!