Pagamenti mobili: Serve di American Express vs Paypal

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

American Express presenta Serve, piattaforma di pagamento mobile e per transazioni di denaro, facile da utilizzare su Web e Mobile e altamente flessibile

American Express ha tolto i veli a Serve, piattaforma nata per effettuare in mobilità pagamenti o transazioni in denaro, attraverso conti correnti, carte di credito/debito o ricaricabili. Al momento il servizio è disponibile solo negli States, ma sarà presto diffuso ad altri paesi. Caratteristica del servizio, la sua flessibilità: Internet, Mobile, POS.

Il trasferimento di denaro P2P (person-to-person) può avvenire tramite sito web serve.com), terminale mobile (iOS e Android) o, per acquisti, nei negozi che accettano transazioni su circuito American Express.

Lato Web è prevista anche una applicazione per Facebook, tramite la quale gestire la spedizione di denaro.

Come funziona Serve? Innanzitutto è necessario possedere un proprio account Serve per associarlo a un account bancario o carta di credito/debito o altri account Serve. Particolarmente interessante, anche a livello aziendale, la possibilità di creare sub-account per amici, familiari, dipendenti o colleghi di lavoro, collegati direttamente al conto principale; ogni account secondario può avere un tetto di spesa massimo, così da poter gestire le transazioni di soldi in tutta sicurezza.

La piattaforma di American Express appare una valida alternativa a PayPal e a quanto presentato recentemente da Visa. Serve sembrerebbe anche in grado di integrarsi con l’emergente tecnologia di pagamento NFC (Near Field Communication), diventando così non un semplice antagonista ma un potenziamento dello stesso servizio offerto da AE.

_____________________________

ARTICOLI CORRELATI:

Via: Webnews

Link: Serve

_____________________________