Dischi allo stato solido, la proposta Imation

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Imation aggiunge alla sua esperienza in termini di memorizzazione le moderne tecnologie dei dischi allo stato solido, avvalendosi di una patnership con Mtron

L’innovazione tecnologica ha portato recentemente tra gli scaffali informatici i dischi allo stato solido.

Un Disco a stato solido (Solid state disk, SSD) è un dispositivo di archiviazione dati che utilizza unicamente l’elettronica dello stato solido.

In questo modo le informazioni digitali possono essere memorizzate e recuperate con performance molto maggiori, non avendo bisogno di interagire con nessun elemento meccanico.

Imation, marchio della memorizzazione dei dati, ha ufficializzato l’intenzione di investire su questa nuova tecnologia creando due nuove linee di prodotti.

Nella fattispecie Imation si avvarrà dell’aiuto di Mtron, attraverso una partnership che porterà allo sviluppo e alla diffusione di SSD in differenti ambienti applicativi.

I target sono infatti il mobile computing, la cui esperienza più nota in termini di SSD è sicuramente il nuovo portatile della Apple, il MacBook Air, e le applicazioni aziendali.

Le due linee che seguiranno questi settori prenderanno rispettivamente il nome di SSD MOBI 3000 e SSD PRO 7000.

Le due famiglie, relativamente simili, si differenzieranno solamente per accorgimenti relativi alla sicurezza dei dati e non alle performance.

Ad esempio nella seconda si avrà una migliore affidabilità logica, ad esempio utilizzando tecnologie di correzione degli errori, e fisica, ad esempio producendo dispositivi con maggiore resistenza agli shock e alle vibrazioni esterne.

I Video di PMI

ISEE, i modelli caso per caso