Trento, trasparenza sul web anche per la provincia autonoma

di Lorenzo Gennari

scritto il

Gli stipendi e le assenze dei dipendenti della Provincia autonoma di Trento, da oggi, sono consultabili su Internet. La Giunta ha approvato le linee guida per la pubblicazione

I dati relativi al personale della Provincia autonoma di Trento sono disponibili, da oggi, sul sito Internet della Provincia nella sezione “Punto informativo“. Oltre a comprendere i principali indicatori come le retribuzioni e i giorni di malattia, il sito mantiene le informazioni che erano già disponibili come, ad esempio, i recapiti di ogni dipendente e la sua collocazione nell’organigramma provinciale.

Con questa pubblicazione si completa pertanto un disegno di trasparenza e di maggiore accessibilità dell’amministrazione pubblica nei confronti dell’utenza, ovvero di tutti i cittadini. Di sicuro, quella trentina non può che essere classificata come un’amministrazione virtuosa. Ciò emerge proprio dai dati sul trattamento del personale ed in particolare della dirigenza, che hanno valori di gran lunga inferiori a quelli delle altre regioni del Nord Italia.

Non solo: il numero dei dirigenti è inferiore a quello di quasi tutte le altre Regioni italiane, anche osservando la percentuale sul totale dei dipendenti. A breve si potrà conoscere anche quali siano gli uffici più virtuosi attraverso la consultazione, nella sezione “Guida agli uffici”, del resoconto dell’attività annuale delle singole strutture a livello di servizio.

Sempre a partire dal menù “Punto informativo”, è possibile accedere all’elenco, in continuo aggiornamento, degli indirizzi di Posta Elettronica Certificata attivati presso le Strutture Provinciali. Oltre che per la trasparenza, la Provincia autonoma di Trento è davvero di esempio per tutte le altre amministrazioni relativamente alle assenze per malattia. Se confrontiamo i dati del Trentino con quelli raccolti a livello nazionale, la Provincia autonoma si colloca sotto la media nazionale, con una media di assenze di poco superiore a 0,60 giorni al mese.