Una Polizia Europea contro le truffe on-line

di Claudio Mastroianni

scritto il

È questa la proposta lanciata da uno dei rappresentanti di Italia dei Valori: un coordinamento sovranazionale per agevolare la lotto contro phishing e frodi

«Sono sempre più i cittadini che utilizzano il web per effettuare acquisti e transazioni, ma con l’aumento delle transazioni economiche on-line si accrescono proporzionalmente anche le frodi».

Sono queste le parole di Giovanni D’Agata, portavoce di Italia dei Valori. Che lancia una proposta: instaurare una forza di polizia comunitaria, a livello europeo, per coordinare e affiancare le Polizie nazionali nella lotta alle frodi on-line.

Secondo D’Agata, infatti, «il problema piú grave ed irrisolto è che la nostra Polizia Postale si scontra con la ovvie difficoltà che la gran parte delle frodi vengono architettate e gestite dall’estero, e che i colpevoli sono difficilmente rintracciabili al di fuori del territorio dello Stato».

Se la proposta dovesse essere accolta e quindi prender forma, ci troveremmo di fronte a una forza di polizia specializzata proprio in materia di truffe digitali, permettendo una lotta migliore a questo tipo di frodi on-line.