La scalata dei manager

di Barbara Weisz

scritto il

Da Colao a Garrone a Garimberti, Ceo e imprenditori partecipano alla Maratona dles Dolomites 2011, classica del ciclismo sulle vette del Trentino.

Ci saranno tanti campioni del ciclismo, come Mario Cipollini, e di altri sport: Giuliano Razzoli, Alex Zanardi, Fabrizio Ravanelli, Iuri Chechi, Cristian Zorzi, e molti altri. Ma in sella per partecipare alla regina della granfondo internazionali, la Maratona dles Dolomites-Enel 2011, ci saranno anche tanti manager e imprenditori.

Rodolfo De Benedetti, ad gruppo Cir, Vittorio Colao, Ceo Vodafone, Jim Balsillie, co-Ceo Research in Motion, Peter Thun, presidente dell’omonima azienda, Gianluca Rana, ad dell’omonimo pastificio, Alessandro Garrone, ad Erg, Maurizio Cereda (Mediobanca), i dirigenti Rai Paolo Gariberti, Antonio Marano, Gianfranco Comanducci: tutti iscritti alla 25esima edizione di questa straclassica del ciclcismo che attraversa lo scenario mozzafiato dei passi delle Dolomiti.

In calendario per domenica prossima, 10 luglio, partenza da La Villa e arrvio a Corvara, tre diversi percorsi di gara a seconda delle abilità e dei ciclisti: quello da 138 km con 4190 m di dislivello, il percorso medio da 106 e 3090 m di dislivello e infine Sella Rotonda, 55 km e 1780 m di dislivello.

Una gara di fatica, nella quale tradizionalmente si cimentano tanti esponenti di spicco del panorama economico nazionale a ulteriore dimostrazione di quanto profondo e proficuo possa essere il rapporto fra sport e management.

A questa 25esima edizione sono iscritti 9mila ciclisti provenienti da 45 nazioni, che sono stati selezionati fra oltre 28mila richieste di adesione. Al via ci saranno anche 903 donne.

Un itinerario mozzafiato, che si snoda fra i passi dolomitici: Pordoi, Sella, Campolongo, Falzarego, Gardena, Valparola, Giau tutti rigorosamente chiusi al traffico.

Come da tradizione, la manifestazione promuove anche temi sociali. Quest’anno vengono sostenuti 25 micro progetti benefici, che verranno coadiuvati dalla onlus “Insieme si può insieme ad altre associazioni altoatesine come l’Assisport Alto Adige, il fondo di solidarietà rurale “Südtiroler Bäuerlicher Notstandsfond, l’Associazione “La Strada – Der Weg” e l’Associazione Tumori Alto Adige.