Alenia, nuovo contratto e flessibilità del lavoro

di Andrea Barbieri Carones

scritto il

Alenia Aermacchi firma coi sindacati un accordo che introduce novità nei salari dei dipendenti e una maggiore flessibilità sui turni di lavoro.

L‘organizzazione del lavoro che Sergio Marchionne ha istituito nello stabilimento auto di Pomigliano d’Arco potrebbe essere una sorta di spartiacque nei rapporti tra aziende, dipendenti e sindacati: i vertici di Alenia Aermacchi hanno infatti annunciato di aver firmato con le parti sociali un accordo di secondo livello che introduce novità nel campo dei salari e dei turni.

L’intesa prevede un premio di produzione legato al raggiungimento di determinati obiettivi, che varia da 2.700 euro per il 2012 a 3mila per il 2013 e a 3,300 per il 2014, cui si aggiungeranno 600 euro annui di consolidamento, percepiti in tranche mensili . In passato, le maestranze della controllata di Finmeccanica venivano incentivati  attraverso 141 diverse fasce: da questo momento cambia tutto e si arriva a un modello unitario che prevede che il 40% del’ammontare del premio sarà proporzionale all’andamento dell’azienda mentre il restante 60% a quello dei risultati di ogni singolo stabilimento.

Visto l’andamento del salone aeronautico di Farnborough, nel Regno Unito, i dipendenti della maggiore azienda aeronautica operante in italia possono essere ottimisti visto che sono arrivati ordini per circa 900 milioni di euro. In particolare, sono in arrivo 32 aerei Atr e 5 Superjet, i velivoli da un centinaio di posti costruiti in collaborazione con la russa Sukhoi. In arrivo anche contratti nel settore dell’aviazione militare.

Naturalmente, in arrivo anche nuovo turni e nuova disponibilità oraria da parte di tutti, con turni settimanali che potrebbero toccare quota 21 e un’organizzazione del lavoro che prevede un impegno di 6 ore giornaliere per 6 giorni alla settimana. In pratica: ogni lavoratore dovrà essere presente in azienda per almeno 2 sabati ogni mese. E a differenza di quanto occorso a Pomigliano, anche la Fiom ha firmato l’accordo insieme alle altre sigle sindacali.

“Nei prossimi 2 mesi, e per rispondere a impellenti necessità di produzione, si saranno 6 sabati di straordinario, uno dei quali potrà essere utilizzato come riposo dopo 6 mesi. Per i 4 mesi seguenti solo 2 sabati al mese saranno di lavoro straordinario obbligatorio, mentre in altri sarà possibile lo straordinario su base volontaria” ha detto Giovanni Contento, segretario nazionale della Uilm.

”Apprezzo molto il senso di responsabilità mostrato da tutte le organizzazioni sindacali e dai lavoratori, grazie al quale è stato possibile raggiungere un’intesa che rappresenta l’elemento di spinta per le prossime sfide che dovremo affrontare” ha detto Giuseppe Giordo, CEO di Alenia Aermacchi. “Grazie a questo accordo viene rivista la struttura del premio di risultato, focalizzata sulla centralità del prodotto e sul rispetto di qualità e tempi di consegna. Si introduce un sistema di flessibilità e turnazione che, anche tenendo in conto il contratto nazionale di lavoro e le peculiarità del settore aeronautico, ci consente di ottenere il massimo utilizzo degli impianti sia per esigenze congiunturali che per quelle di natura strutturale”.