Il lavoro che diventa stress

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Gli eventi che rendono il percorso lavorativo complicato e molto stressante, ecco le tecniche migliori per superare queste problematiche.

Il lavoro può generare emozioni che con il tempo destabilizzano il fisico e la mente, questi eventi e questi pensieri spesso sono caratterizzati da reali problematiche presenti sul lavoro, in alcuni casi, ma più raramente, sono influenzati dalla negatività del proprio stato d’animo.

=> Cosa fare se si è insoddisfatti del proprio lavoro 

Le problematiche che rendono un percorso lavorativo complesso sono varie, spesso inoltre rischiano di danneggiare anche la vita privata, ad esempio con problemi riguardanti la retribuzione. Queste problematiche portano il lavoratore a vivere il tutto con più pesantezza, portandolo così con il tempo in uno stato di stanchezza e stress.

=> Quadri aziendali, insoddisfatti e stressati 

Ma i classici problemi come la retribuzione e il salto di carriera non sono gli unici ostacoli che limitano la felicità sul lavoro, spesso il problema di base è una scelta sbagliata oppure dettata dal bisogno. Nello specifico si parla dell’insoddisfazione e della frustrazione portata da un lavoro non realmente desiderato e che non rispecchia le reali passioni. Questa insoddisfazione è un sentimento molto diffuso e comune, inoltre non è destinato solo a coloro che ricoprono ruoli meno importanti, spesso tale risentimento riguarda al contrario proprio chi ricopre ruoli più impegnativi, come i manager.

=> Chi sono i lavoratori più insoddisfatti?

Tutto questo accade perché si pensa che scegliere un lavoro piuttosto che un altro sia semplice e poco compromettente, la realtà invece è che il lavoro deve essere scelto con convinzione, sicurezza e anche calma. Affermarsi in un qualsiasi ruolo ma condividere con desideri irrealizzati, che coinvolgono l’ambito lavorativo, rischiano di compromettere gravamente fisico e mente. Per risolvere stanchezza e stress è importante proprio capire quale sia la causa scatenante, perché la differenze tra i problemi lavorativi e le insoddisfazioni personali sono moltissime, inoltre le tecniche per superare tali problemi sono totalmente differenti.

=> Dal pessimista al workaholic: microcosmo in ufficio 

L’elemento fondamentale da valutare alla base di tutto è la scelta del proprio lavoro, bisogna capire che quel che si farà per la maggior parte della propria vita deve sapere soddisfare almeno in parte le proprie passioni. Nulla è perfetto, qualsiasi lavoro si sceglierà le problematiche saranno sempre dietro l’angolo, l’importante è però allontanare il più possibile fattori che potrebbero contribuire a stress ed anche depressione.

I Video di PMI

Regime forfettario: guida ai requisiti