Rendere l?ambiente di lavoro più flessibile

di Teresa Barone

scritto il

I consigli per promuovere la flessibilità in azienda limitando i rischi e favorendo la produttività.

Promuovere la flessibilità sul lavoro senza rinunciare alla produttività: questa è una delle maggiori sfide per le aziende e i manager che vogliono diffondere maggiori politiche di equilibrio tra lavoro e famiglia tra i dipendenti senza tuttavia sacrificare l’efficienza delle proprie risorse.

=> Leggi tutte le novità sul telelavoro

Se la riduzione dei costi e la crescita della soddisfazione personale dei dipendenti rappresentano alcuni dei più evidenti vantaggi di un ambiente di lavoro flessibile, è anche vero che esistono alcuni rischi da non sottovalutare per non limitare fatturato e produttività. 

Per promuovere al meglio la flessibilità è fondamentale pianificare una strategia a priori che si basi non solo sulla scelta delle misure giuste (telelavoro parziale, ad esempio) ma anche sull’introduzione di operazioni di monitoraggio e controllo efficaci.

Prima di avviare nuovi programmi di flessibilità, inoltre, è sempre preferibile stabilire un periodo di prova ristretto a un piccolo gruppo di dipendenti e affrontando gradualmente le eventuali problematiche.

Stabilire, in anticipo, quali saranno i canali di comunicazione rappresenta la priorità assoluta per fare in modo che i programmi di flessibilità non siano destinati al fallimento.

=> Scopri i contro della flessibilità sul lavoro

Fondamentale, infine, è anche promuovere una formazione specifica per i responsabili della gestione dei lavoratori che usufruiscono della flessibilità, mettendo anche in conto eventuali defaillance: non tutti i dipendenti, infatti, riescono a esprimersi al meglio anche fuori dal tradizionale ambiente di lavoro.