Dipendenti con dieci in condotta

di Teresa Barone

scritto il

Migliora la condotta dei lavoratori, sempre più ligi al dovere anche grazie alla crisi: i dati di una ricerca promossa dall? Ethics Resource Center.

Il numero di lavoratori con “zero in condotta” non è mai stato così basso: le cifre che caratterizzano i dipendenti responsabili di comportamenti disdicevoli sono infatti ai minimi storici, stando almeno a quanto rivelato da una ricerca promossa dal ERC (Ethics Resource Center) e realizzata indagando sui costumi di un campione di oltre seimila impiegati attivi nelle aziende statunitensi.

=> Scopri gli errori comuni nella gestione dei dipendenti

Cresce quindi la responsabilità di dipendenti e il loro sentirsi parte dell’azienda, ma ad aumentare sono anche gli sforzi compiuti dai datori di lavoro per favorire il benessere dei lavoratori così come per sottolineare le regole di comportamento da seguire. Più precisamente, lo studio ha sottolineato come la percentuale dei dipendenti “scorretti” sia calata dal 55% del 2007 al 41% del 2013.

Ancora più interessanti sono le cifre che riguardano l’operato dei manager, ritenuti responsabili di portare avanti una condotta negativa nel 60% dei casi. Secondo gli studiosi, inoltre, è più probabile che a violare le regole siano i dirigenti di alto livello.

=> Scopri l’importanza dei questionari di autovalutazione

La ricerca mostra, infine, che spesso il rispetto delle regole nasca dal timore di subire ritorsioni da parte del datore di lavoro, una paura tutt’altro che infondata: più di un lavoratore su cinque afferma di essere stato sottoposto a provvedimenti disciplinari in caso di comportamenti non ligi al dovere.