La conciliazione dei tempi nelle aziende italiane

di Teresa Barone

scritto il

La classifica Ocse dei paesi con un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata: Italia al tredicesimo posto.

I lavoratori italiani possono contare su un buon equilibrio tra professione e vita familiare? Secondo il “Better life index” stilato annualmente dall’Ocse, la penisola si colloca al tredicesimo posto tra i 34 paesi compresi dall’Oreganizzazione, che ha stilato la classifica delle nazioni sulla base delle iniziative per favorire la conciliazione dei tempi.

=> Conciliare carriera e famiglia è fattibile per 2 donne su 3

Se al primo posto troviamo la Danimarca, il podio è occupato anche da Spagna e Belgio, mentre a chiudere la graduatoria sono Regno Unito e USA.

In Italia le ore di lavoro annuali ammontano a 1752, un dato in media con gli altri Stati Ocse, mentre il 4% dei lavoratori, prevalentemente uomini, si ferma oltre l’orario stabilito (questa percentuale è inferiore alla media Ocse del 9%).

Il report ci informa anche sul numero di ore dedicato alla cura personale e al tempo libero, mostrando come il 62% del tempo a disposizione dei lavoratori a tempo pieno sia speso per compiere alcune attività quotidiane e altre iniziative inerenti gli hobby personali.

Per quanto riguarda le politiche aziendali volte a favorire maggiore flessibilità, meno del 50% delle imprese con 10 o più dipendenti promuove iniziative in quest’ottica, mentre il 60% dei dipendenti non ha alcuna autonomia nella gestione del suo orario di lavoro.

=> Vai al Better life index dell’Ocse

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari