Vertici aziendali e diversità di genere

di Teresa Barone

scritto il

Dirigenti uomini e colleghe donne la pensano in modo diverso in tema di parità di genere nei CdA.

Una forza lavoro diversificata e caratterizzata da un equilibrio tra i due sessi rappresenta una risorsa per le aziende, che possono contare sull’apporto di competenze, valori, stili di leadership ed esperienze differenti. Ma qual è il pensiero dei dirigenti a proposito?

=> Dirigenti donne: retribuzioni in crescita

Secondo uno studio americano promosso da PricewaterhouseCoopers, il 35% della componente maschile dei vertici aziendali mostra ancora perplessità nell’identificare i possibili vantaggi della “diversità” di genere nella stanza dei bottoni, mentre la maggioranza delle donne manager presenti nei CdA intervistate (63%) non hanno dubbi a riguardo, focalizzando l’attenzione sui benefici per le prestazioni complessive dell’azienda. 

=> Parità retributiva? Per le donne 59 giorni non pagati

La ricerca svela anche un altro dato interessante: se i “nuovi” membri dei Consigli di Amministrazione aziendali sostengono fermamente il valore della diversità tra i sessi sul lavoro, i colleghi che occupano una posizione di responsabilità da più tempo (oltre 10 anni) non ritengono cruciale la parità di genere in ambito professionale.

=> Più donne ai vertici delle imprese lombarde

Solo per illustrare alcune percentuali emerse nel corso dell’indagine, se l’80% delle donne dirigenti ritiene che la parità tra i due sessi aumenti l’efficacia di un CdA, solo il 40% dei colleghi uomini è della medesima opinione.

 

I Video di PMI

Legge 104: agevolazioni per disabili e familiari