Le nuove frontiere della pubblicità online

di Paolo Iasevoli

scritto il

Il Googleplex è l'evento organizzato da Big G per illustrare le sue prossime mosse e analizzare le nuove strategie dell'online advertising

«There are more dollars coming online». Con queste poche ed eloquenti parole Susan Wojcicki, vice presidente della divisione advertising di Google, presenta l’attuale scenario della pubblicità online in occasione del Googleplex, evento organizzato da Big G.

Uno scenario sempre più rigoglioso, che attira un numero crescente di investitori e continua ad offrire nuovi strumenti di promozione. Uno scenario in cui Big G fa la parte del leone ma non per questo si adagia sugli allori.

Anzitutto la Wojcicki fa chiarezza sulle recenti vicende che hanno visto coinvolti tutti i motori di ricerca, e ribadisce che Google intende rispettare la privacy dei suoi utenti, registrando il minor numero possibile di informazioni.

A tal proposito ha analizzato un nuovo metodo per fare pubblicità online, che sarebbe più efficace per gli investitori e meno invasivo per i consumatori. Si tratta di una tecnica basata sulle ricerche multiple che gli utenti conducono in un’unica sessione, e che a Mountain View stanno già testando da un paio di settimane.

In questo modo, dice la Wojcicki, se una persona cerca “vacanza in Italia” e “meteo”, le saranno forniti annunci pubblicitari relativi alle condizioni meterologiche in Italia. Si tratterebbe di una tecnica innovativa, contestuale all’attività che il consumatore sta compiendo in quel preciso momento, piuttosto che sul suo comportamento abituale.

Una strategia che funziona benissimo anche senza conservare dati sugli utenti, e al tempo stesso risulta più efficace. Attualmente, infatti, il sistema di annunci potrebbe essere “ritardatario” rispetto alle esigenze del consumatore, poiché «se volevi comprare una macchina 2 settimane fa, e poi l’hai comprata, adesso non avrai bisogno di altri annunci riguardanti le automobili».

Google non nasconde neanche quella che secondo lui è la tendenza del prossimo futuro: il video-advertising. I contenuti multimediali offrono nuove possibilità agli inserzionisti e il successo di piattaforme come YouTube (sempre appartenente a Google) ha fatto della pubblicità in video il nuovo Eldorado di internet. Per questo Big G sta sperimentando soluzioni che riguardano l’inserimento di annunci prima, dopo e durante la visione dei filmati, con differenti tipologie di overlayer e banner.