Ecommerce senza carta di credito

di Floriana Beretta

scritto il

PayPal, eBillMe e BillMeLater: sono solo alcuni dei metodi di pagamento alternativi alla carta di credito per effettuare acquisti in Rete in tutta sicurezza

Secondo un articolo del Wall Street Journal di gennaio 2008, più dell’85% dei pagamenti per acquisti in Internet sono effettuati con una carta di credito o debito, la maggior parte del restante 15% è realizzata attraverso metodi alternativi di pagamento come PayPal, eBillMe e BillMeLater. Si tratta di sistemi che, con diverse modalità, consentono il saldo dello shopping online senza utilizzare i dati della carta di credito, incrementando così la sicurezza.

Le società di pagamento alternativo vanno incontro alle esigenze degli acquirenti che non si sentono tranquilli nel mettere online le loro informazioni oppure non hanno una carta di credito. I consumatori, anche quelli che diffidano dell’ecommerce stanno cominciando a prendere seriamente in considerazione queste nuove opzioni di cui sentono di potersi fidare. In quest’ottica si prevede che l’uso di metodi alternativi di pagamento crescerà fino al 30% entro il 2012. Per questi nuovi servizi sono prevedibili ampi spazi di miglioramento, soprattutto per quanto riguarda la protezione dell’acquisto per la quale le carte di credito attualmente assicurano una copertura migliore.

Da parte delle aziende che vogliono vendere in rete, offrire diverse opzioni di pagamento fornisce loro la possibilità di incrementare il proprio business in modo decisivo. eBay riporta sul proprio sito i risultati di uno studio commissionato da PayPal su un campione di commercianti eBay italiani che vendono all’estero: nel primo trimestre 2006, le aziende hanno incrementato le vendite fino al 44% dopo avere dato la possibilità di pagare con PayPal. Tra i nuovi metodi di pagamento si possono distinguere quelli più tradizionali, già entrati nella sfera culturale dei commercianti italiani, quali PayPal e altri decisamente innovativi e da noi poco conosciuti e non ancora disponibili in Italia, come BillMeLater ed eBillMe.

PayPal

Facilità, convenienza e sicurezza sono i punti di forza di PayPal, il metodo di pagamento online utilizzato da più di 150 milioni di utenti in tutto il mondo, che consente di effettuare e ricevere pagamenti a livello nazionale e internazionale. La procedura di attivazione è molto semplice: in seguito alla registrazione gratuita, viene aperto un conto personale e subito è possibile effettuare pagamenti, senza comunicare i propri dati bancari o il numero della carta di credito. A transazione avvenuta l’esercente del negozio virtuale riceve un avviso del pagamento compiuto. PayPal si fa garante della sicurezza della transazione.

L’invio di denaro non è gravato da spese di commissione ed è convalidato da una mail di conferma del pagamento effettuato. La ricezione è soggetta a tariffe, di cui una quota fissa di 0,35€ e una percentuale variabile sull’importo. Il prelievo dal proprio conto PayPal è gratuito se la cifra corrisponde a 100€ o più, mentre viene tassato di 1€ nel caso sia inferiore a questo importo.

La società PayPal è nata nel 1999, inizialmente per offrire servizi di pagamento via PDA e successivamente su Web. L’azienda ebbe subito notevole successo, ma fu esposta a una grande quantità di frodi; per ostacolare il sistema automatico usato dai malintenzionati che creavano molti account fasulli, PayPal inventò il sistema Captcha (Completely Automated Turing Test To Tell Computers and Humans Apart). Questo test, ora usato da molti siti Internet, genera un’immagine casuale che rappresenta una sequenza di caratteri alfanumerici. L’utente che sta effettuando la registrazione deve riconoscere e ricopiare la sequenza; l’operazione è semplice per un essere umano, praticamente impossibile per un dispositivo automatico.

PayPal è disponibile per chiunque disponga di un indirizzo email nei 190 Paesi in cui è presente. Il denaro depositato sul conto PayPal può essere direttamente trasferito sul conto bancario o sulla carta di credito.

In Italia, PayPal è presente dal 2005 ed è il mezzo di pagamento più usato su eBay. Nel novembre 2007 Poste Italiane e PayPal hanno stipulato un accordo secondo il quale chi vende su eBay può ricevere i pagamenti usando Postepay tramite PayPal, trasferendo i fondi dal conto PayPal alla carta Postepay associata, il denaro sarà disponibile sulla carta in 5-7 giorni lavorativi. Alle aziende PayPal offre il Conto Business che prevede funzionalità gratuite per gestire meglio le vendite, come il Carrello PayPal e il Pulsante per accettare pagamenti direttamente dal proprio sito Web.
Il Conto Business, che deve appoggiarsi ad un conto corrente intestato alla propria attività commerciale, consente di operare attraverso la propria ragione sociale e di assegnare ai diversi utenti livelli di accesso adeguati alle corrispondenti aree di competenza Molto simile a PayPal è Google Checkout, attualmente disponibile solo negli Stati Uniti e in UK.

BillMeLater

BillMeLater è un sistema di pagamento sicuro che permette di acquistare per telefono o attraverso il Web e pagare in un secondo momento. Oltre che effettuare pagamenti, consente di incrementare la capacità dei portafogli dei consumatori. L’apertura di un conto BillMeLater non richiede una lunga procedura, l’iscrizione è gratuita e viene effettuata all’atto dell’acquisto online. Si riceve un estratto conto mensile e si può scegliere di pagare in una sola volta o a rate. Saldando entro 90 giorni non si pagano interessi; viceversa il tasso percentuale annuale è piuttosto alto (19,99%), il minimo finanziabile è di 2 dollari.

Il servizio è in concorrenza diretta con PayPal, poiché non richiede di inserire il numero della carta di credito al momento del pagamento, e in più agisce come un conto di credito, fornendo la flessibilità necessaria per l’acquisto; per arginare la concorrenza di BillMeLater, anche PayPal fornisce ora un servizio PayPal Later (a tassi più alti). Tutti gli strumenti necessari per gestire il conto sono disponibili online: è possibile visualizzare o pagare le fatture o aggiornare il profilo del proprio conto in qualsiasi momento. BillMeLater, che non ha alcun limite di spesa, viene usato per l’acquisto di oggetti di costo medioalto come computer e mobili, fintanto che si pagano le fatture entro la scadenza stabilita, si possono mantenere le condizioni di credito.

Il sistema di pagamento è disponibile su oltre 700 siti tra i quali figurano ToysRus.com, Walmart.com, Apple Store e altri che appartengono alla Top 200 degli USA; da dicembre 2007 Amazon ha acquisito una quota di partecipazione azionaria in BillMeLater e ha deciso di offrire l’opzione di pagamento sul suo sito. Il pagamento costa ai commercianti il 40% in meno rispetto alle transazioni con carta di credito e consente loro di attirare acquirenti che altrimenti non comprerebbero online. Infine, migliora la fidelizzazione dei clienti. Il servizio è presente al momento solo negli USA dove viene utilizzato da circa 3 milioni di persone, in gran parte signore di mezza età.

Per le imprese, che desiderano riscuotere immediatamente quando vendono e termini prorogati quando acquistano, è stato studiato il servizio BillMeLater Business. Non si tratta di un’altra carta di credito, ma di un accesso immediato al credito combinato con finanziamento a condizioni agevolate e termini di pagamento prorogati fino a 180 giorni. Un recente studio condotto da Mercator Advisory Group ha rilevato che il 26% delle PMI che non acquista online lo farebbe volentieri se fosse disponibile un’alternativa come BillMeLater Business.

eBillme

eBillme è un servizio utile per chi non ha problemi di liquidità: permette di pagare prelevando direttamente dal proprio conto corrente e di trasformare le fatture periodiche in fatture online eliminando gli assegni. Tutto quello che il cliente deve fare è comunicare un indirizzo email al quale sarà spedita la fattura. Il vantaggio per chi vende è di incassare subito, per chi paga, avendone la disponibilità, di tenere sotto controllo il proprio conto e le proprie scadenze. Con un occhio alla questione ecologica, un vantaggio anche per l’ambiente poiché il sistema elimina lo spreco di tanta carta inutile. Attualmente il servizio è utilizzabile solo In USA, senza limiti di spesa.

eBillMe è l’unica soluzione che estende i vantaggi dei servizi bancari online agli acquisti online riducendo i rischi sia per i consumatori sia per i dettaglianti; nessun dato finanziario è messo in mostra su Internet e l’operazione di pagamento è trasferita in sicurezza dalla banca del cliente alla banca del venditore. I consumatori possono comprare online, da catalogo o tramite call center e pagare presso la loro banca, con la sicurezza e la convenienza dei servizi bancari online. Inventato da MODAsolutions, società canadese con uffici negli Stati Uniti, eBillMe permette ai venditori di accedere potenzialmente a decine di milioni di americani che usano i servizi bancari online delle numerose banche e istituzioni finanziarie che sono collegate al servizio.

Si paga solo il costo della transazione: chi vende paga l’1%, al massimo 1,5% della somma trasferita, per grandi volumi di vendita è la metà di quello che si spenderebbe utilizzando le carte di credito, e per i piccoli commercianti, c’è circa il 30% di risparmio. eBillme rappresenta un passo decisivo contro le frodi della carta di credito: nel mondo reale, l’acquirente e il venditore si possono vedere reciprocamente, il venditore può verificare l’identità del compratore prima di un acquisto; nel mondo online, l’acquirente e il venditore non si vedono a vicenda, il compratore desidera compiere una transazione senza fornire informazioni finanziarie personali, il commerciante vuole sapere di più sull’acquirente. Con eBillme il commerciante e il consumatore sono entrambi noti alla loro organizzazione bancaria e il denaro si muove da banca a banca.

I metodi di pagamento alternativo fin qui descritti rappresentano esempi significativi, ma non esauriscono la numerosa schiera di iniziative che si stanno sviluppando nel caleidoscopico mondo del Web. Forse il sistema finanziario italiano non è ancora pronto ad accettare sistemi di pagamento avanzati come quelli illustrati, tuttavia è bene che le aziende abbiano una visione ampia delle opportunità di pagamento offerte nel panorama internazionale in una prospettiva di conquista dei mercati geograficamente più lontani e potenzialmente più promettenti.