WhatsApp Facebook, dati a rischio privacy

di Barbara Weisz

scritto il

Garante Privacy apre istruttoria sulla privacy policy di WhatsApp, che condividerebbe con Facebook e siti partner i dati dei clienti, rubriche comprese, per scopi marketing.

Privacy a rischio su WhatsApp da quanto la nuova policy consente di condividere i dati degli utenti con Facebook per finalità di marketing: il Garante ha aperto un’istruttoria per chiarire la tipologia di dati messi a disposizione, le modalità di acquisizione del consenso degli utenti e la conformità alla normativa italiana in materia, considerato che revoca del consenso e diritto di opposizione sembrano limitati nel tempo.

=> Privacy, poche aziende in regola

WhatsApp (acquisita da Facebook nel 2014) deve anche chiarire se i dati dei suoi utenti non registrati al social network vengono parimenti condivisi, fornendo elementi riguardo al rispetto del principio di finalità (nell’informativa originariamente resa agli utenti, WhatsApp non faceva alcun riferimento alla finalità commerciale).

=> Privacy in azienda: le regole UE

Molto sinteticamente, in cosa consiste la nuova privacy policy di WhatsApp nel mirino del Garante? Come si legge nelle FAQ ufficiali:

«abbiamo in programma di condividere alcune informazioni con Facebook e il gruppo di aziende di Facebook che ci permetteranno di coordinarci maggiormente, come ad esempio per combattere lo spam e gli abusi, e migliorare le esperienze attraverso i nostri servizi e quelli di Facebook e del gruppo di Facebook».

Esempi: informazioni dell’account WhatsApp, come il numero di telefono, ma non messaggi e foto, saranno condivisi e usati a scopo commerciale (per ricevere inserzioni mirate). Gli utenti possono esercitare il diritto di opposizione entro 30 giorni dall’accettazione della nuova privacy policy (procedura spiegata sul sito web di WhatsApp).

Per Antonello Soro, presidente del Garante per la protezione dei dati personali:

«la nuova privacy policy adottata da Facebook e WhatsApp pone serie preoccupazioni dal punto di vista della protezione dei dati personali», «il flusso massiccio di dati non riguarda solo gli utenti di Facebook o WhatsApp, ma si estende anche a chi non è iscritto a nessuno dei due servizi». I dati «vengono comunicati per il semplice fatto di trovarsi in una rubrica telefonica di un utente di WhatsApp».

Soro ricorda le linee guida per lo scambio di indirizzari, operazione che

«non può avvenire senza il consenso degli interessati», mentre «ad un primo esame, nelle nuove regole adottate da Whatsapp, sembrerebbe non essere previsto un consenso differenziato per le diverse opzioni e che gli utenti siano di fatto costretti ad accettare in blocco le condizioni che prevedono lo scambio dei dati».

Vedremo adesso se Facebook e WhatsApp decideranno, responsabilmente e autonomamente, di sospendere questa iniziativa a garanzia degli utenti», conclude Soro.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi