Decreto fiscale: proroga riscossione tra gli emendamenti approvati

di Redazione PMI.it

scritto il

Decreto Fisco-Lavoro: approvate le modifiche in Senato, si avvia all'approvazione: nuove proroghe per la riscossione e sui contratti interinali.

Sono tante le novità del Decreto Fisco-Lavoro, collegato alla Legge di Bilancio, approvate in commissione al Senato, da cui passerà alla Camera (dopo il voto dell’Aula a Palazzo Madama) quasi certamente senza ulteriori modifiche in considerazione dei tempi ormai troppo stretti: la legge di conversione va approvata entro il 20 dicembre. Tra gli emendamenti approvati spiccano: mini-proroga per la riscossione, cumulo tra assegno di invalidità e redditi da lavoro, flessibilità sui contratti in somministrazione, un fondo per aiuti economici a genitori separati in difficoltà economiche, sospensione TARI per immobili della Chiesa.

=> Decreto fiscale collegato alla Manovra: ecco le misure in vigore

Emendamenti con effetti sulla Riscossione

  • Proroga al 9 dicembre per le rate di Rottamazione-ter e Saldo e stralcio che erano da pagare entro il 30 novembre (quelle scadute nel 2020 e nel 2021, per coloro che erano in regola con i pagamenti 2019), a cui si aggiungono i 5 giorni di tolleranza previsti per legge.
  • Pagamento a 180 giorni (contro i 150 giorni già previsti) per le cartelle esattoriali notificate dal 1° settembre al 31 dicembre 2021 (dopo lo stop durante l’emergenza Covid).
  • Proroga al 16 gennaio 2022 per gli avvisi bonari notificati fra l’8 marzo e il 31 maggio 2020 (la precedente scadenza era il 16 settembre);
  • Non impugnabilità degli estratti di ruolo, tranne per i casi in cui viene penalizzata la partecipazione a gare di appalto, la riscossione di crediti da soggetti pubblici o la perdita di un beneficio dalla PA.

Altri emendamenti approvati

  • Invalidità e lavoro: si possono cumulare l’assegno di invalidità ed i redditi da lavoro, fino a un tetto di 4931,29 euro.
  • Contatti in somministrazione: i contratti in somministrazione possono superare i 24 mesi fino al 30 settembre 2022, resta la condizione secondo cui il lavoratore deve essere assunto a tempo indeterminato dall’agenzia interinale.
  • Incentivi alle startup sociali (decontribuzioni) se realizzano progetti per l’inclusione.
  • Proroga rimborso IRAP al 31 gennaio 2022 (dal precedente 30 novembre 2021) per chi ha superato il massimale di aiuti di Stato del Temporary Framework.
  • Proroga pagamento Cassa Covid: entro al 31 dicembre 2021 si possono inviare i dati per il conguaglio, il pagamento o il saldo delle domande scadute al 30 settembre.
  • Fondo genitori separati: assegno fino a 800 euro al mese per le coppie separate in difficoltà economica.
  • IMU coniugi con casa in Comuni diversi: possono scegliere su quale immobile applicare l’esenzione IMU prima casa.
  • TARI: stop alla tassa sui rifiuti per gli immobili della chiesa.

Misure confermate

Fra le misure confermate nella versione originale, segnaliamo la nuova disciplina del Patent Box (con deduzione al 90% estesa ai marchi), su cui ci sono state proposte di modifica alla fine non accolte. La discussione su questo punto potrebbe proseguire in sede di approvazione parlamentare della Legge di Bilancio 2022. Segnaliamo anche il rifinanziamento degli incentivi auto a bassa emissione, le procedure di regolarizzazione per le imprese che hanno commesso errori nell’utilizzo del Bonus Ricerca e Sviluppo ed i congedi Covid fino al 31 dicembre.