Tratto dallo speciale:

Digital Green Certificate: calendario e regole in Italia e in Europa

di Redazione PMI.it

scritto il

Certificazioni verdi Covid-19: guida alle varie formule di Digital Green Certificate, italiano ed europeo, e confronto con le attuali attestazioni.

Conto alla rovescia per il Digital Green Certificate (DGC), la cui entrata in vigore è prevista entro giugno 2021, pronta per l’interoperabilità con la piattaforma europea che entra in vigore il primo luglio. Il green pass italiano sostituirà le attuali attestazioni rilasciate direttamente dai singoli enti e centralizzerà la procedura, così da garantire non soltanto un canale univoco per il rilascio ma anche la validazione in tempo reale tramite QR Code dei green pass. I certificati verdi rilasciati in ambito regionale, dunque saranno validi (solo sul territorio nazionale) fino all’entrata in vigore del Digital Green Certificate.

Per Digital Green Certificate – emesso dalla piattaforma italiana, alimentata con i dati trasmessi dalle Regioni – si intende dunque un nuovo certificato, digitale o cartaceo (compilato secondo le direttive del Decreto Riaperture, che in allegato riposta il fac-simile della Certificazione Verde Covid-19) identificato come di:

  • avvenuta vaccinazione contro il COVID-19
  • avvenuta guarigione da COVID-19
  • effettuazione di un test molecolare o antigenico per la ricerca di SARS-CoV-2 con risultato negativo,

Il nuovo Certificato DGC è interoperabile a livello europeo, attraverso il QR code, dunque la sua validità è verificabile attraverso i vari sistemi di validazione digitali. Per essere valido, ovviamente, deve rispettare le regole comuni a tutti i Paesi membri della UE, in conformità alle quali vengono emessi nei diversi Stati e resi validi dalle piattaforme nazionali (in Italia è la Digital Green Certificate (DGC) raggiungibile all’indirizzo https://www.dgc.gov.it, deputata all’emissione, alla validazione e all’accettazione dei certificati. Lo stesso codice serve per validare il certificato al fine dei diversi utilizzi previsti dalla legge (è associato ad un codice identificativo univoco a livello nazionale).

Il DGC sarà gratuito e in italiano e inglese e, per la Provincia Autonoma di Bolzano, anche in tedesco. La sua finalità è quella di facilitare la circolazione dei cittadini tra i diversi Paesi UE grazie ai criteri condivisi tra i 27 Paesi membri, onde evitare evitare periodi di quarantena o ulteriori tamponi (gli Stati che li prevedano comunque, devono darne comunicazione alla UE e motivarne il ricorso). Attenzione: il certificato è uno strumento di ausilio ma non è obbligatorio, dunque non rappresenta un prerequisito per viaggiare, ma semplicemente agevola gli spostamenti.

L’Italia ha già realizzato la sua piattaforma nazionale, che permetterà il rilascio centralizzato dei DGC interoperabili a livello nazionale ed europeo attraverso il gateway europeo, che assicurerà la verifica della validità al momento dell’ingresso in qualsiasi Stato dell’Unione Europea.

Validità ed utilizzo

  • A livello europeo, la piattaforma GDC ha validità di 12 mesi (dal primo luglio 2021 al primo luglio 2022) ed è finalizzata agli spostamenti tra Paesi comunitari. I certificati saranno rilasciati con qualsiasi vaccino anti COVID-19 e spetterà ai singoli Paesi decidere se accettare anche quelli non autorizzati in Europa dall’EMA.
  • A livello italiano, la Certificazione Verde Covid-19 ha validità 9 mesi dall’ultima (o unica dose) per gli usi previsti dalla legge nazionale (ad esempio per partecipare ai banchetti di cerimonie, oppure per gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori collocati in zona rossa o arancione), 6 mesi dopo la guarigione o 48 ore dal tampone negativo.

In pratica, le diverse autorità nazionali sono responsabili del rilascio del certificato, la cui versione digitale può essere salvata su smartphone (in Italia, dovrebbe poter essere disponibile anche su App Immuni) ma che si può richiedere anche in versione cartacea (ma la si può stampare anche dal proprio Fascicolo Sanitario Elettronico con credenziali SPID): entrambe disporranno del medesimo codice QR contenente le informazioni necessarie e la firma digitale per l’autenticità del certificato (un po’ come i biglietti del treno o dell’aereo).

Prossime tappe

Dal primo giugno, il gateway dell’UE (interconnessione tra i sistemi nazionali) è operativo. Entro fine mese si conclude la fase preparatoria: gli Stati membri possono infatti avviare il certificato su base volontaria, purché siano pronti a rilasciare e verificare i DCG disponendo della necessaria base giuridica.

  • 1 luglio. Il certificato COVID digitale dell’UE entra in vigore in tutta l’UE.
  • 1 luglio – 12 agosto. Periodo transitorio: se uno Stato membro non è pronto a rilasciare il certificato, è possibile utilizzare altri formati, accettati negli altri Stati membri.

Intanto, il 14 giugno 2021 è stato pubblicato il nuovo Regolamento UE 2021/953 del Parlamento Europe e del Consiglio,
su un quadro per il rilascio, la verifica e l’accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (Certificato COVID digitale dell’UE) per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di COVID-19