Tratto dallo speciale:

Turismo: al via credito d’imposta

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Il 13 luglio è il giorno del Click Day per il credito di imposta concesso alle imprese del turismo che investono in innovazione: ecco perché è fondamentale essere tempestivi.

Tutto pronto per il Click Day del 13 luglio per l’attribuzione del credito d’imposta volto ad incentivare la digitalizzazione delle strutture ricettive, delle agenzie di viaggi e dei tour operator da parte del Mibact (D.M. 07 maggio 2015). Fondamentale, per accedere all’incentivo sarà presentare la domanda tempestivamente, come spiega la parlamentare casalese del Partito Democratico, Cristina Bargero, e membro della Commissione Attività Produttive alla Camera:

«Finalmente il Ministero dei Beni Culturali ha pubblicato le istruzioni per ottenere il credito di imposta del 30% per le spese sostenute per la digitalizzazione di strutture ricettive (alberghi, agriturismi e Bed&Breakfast), agenzie viaggi e tour operator, previsto dal decreto Art-Bonus».

=> Turismo: un bonus digitalizzazione per attivare il Wi-Fi

Fino al 24 luglio è possibile registrarsi sul Portale dei procedimenti allegando:

  • la dichiarazione dell’imprenditore con l’elenco degli interventi effettuati;
  • l’attestazione dell’effettivo sostenimento delle relative spese;
  • la dichiarazione relativa ad altri aiuti “de minimis” eventualmente ottenuti.

In questo modo si ottengono il codice di accesso e i moduli per effettuare la richiesta di accesso al bonus. Il Click Day scatterà poi alle ore 10.00 del 13 luglio. Le domande verranno accettate in ordine cronologico di arrivo, fino all’esaurimento del budget disponibile (15 milioni di euro in 5 anni, pari a 75 milioni complessivi) e comunque non oltre le ore 12.00 del 24 luglio 2015. Il credito d’imposta va a coprire il 30% degli investimenti effettuati dal 1° gennaio 2014 al 31 dicembre 2016, fino ad un massimo di 41.666 euro, per:

  • dotare la propria struttura di connessione Wi-Fi;
  • realizzare siti web ottimizzati per il sistema mobile;
  • realizzare sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti;
  • pubblicare pubblicità su siti specializzati;
  • ottenere consulenza per la comunicazione e il marketing digitale;
  • realizzare programmi di formazione del titolare e del personale dipendente.

=> Art Bonus e detrazioni fiscali nel Decreto Cultura

Il credito d’imposta verrà suddiviso in un triennio per un importo massimo di 12.500 euro l’anno. Gli esiti dell’accoglimento delle domande pervenute verranno comunicati dal Ministero entro il 24 settembre 2015.