Cartelle di pagamento: ridotti gli interessi di mora

di Noemi Ricci

scritto il

Circolare esplicativa INPS sui nuovi interessi di mora in vigore da Maggio 2014 da applicare alle cartelle di pagamento saldate in ritardo: applicata una riduzione.

Con la Circolare n. 54 del 2 maggio, l’INPS ha comunicato le modifiche apportate agli interessi di mora per il ritardato saldo delle cartelle di pagamento. Gli interessi da versare in caso versamento oltre scadenza delle somme iscritte a ruolo (anche quelle dovute ai sensi del comma 9, dell’art. 116 della legge 23 dicembre 2000, n. 388) sono stati ridotti a decorrere dal 1° maggio 2014.

Il nuovo tasso

Un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha fissato la misura degli interessi di mora al 5,14% in calo rispetto al precedente tasso fissato per lo scorso anno (5,22).Tali interessi vengono determinati annualmente e si applicano a partire dalla notifica della cartella e fino alla data di pagamento, così come previsto dall’articolo 30 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602. Gli interessi vanno calcolati sulle sole somme iscritte a ruolo, escluse le sanzioni pecuniarie e gli interessi.

=> Cartelle di pagamento: nuovi interessi di mora da maggio 2014

La riduzione

Come ogni anno, l’Agenzia delle Entrate ha interpellato la Banca d’Italia e ha disposto il nuovo tasso di interesse con il provvedimento Protocollo n. 51685/2014 del 10 aprile 2014 sulla base delle stime effettuate analizzando la media dei tassi bancari attivi con riferimento al periodo che va dall’1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013.

Le cartelle Equitalia

Ricordiamo che, da novembre 2013, famiglie e imprese in difficoltà economica possono rateizzare i debiti con Equitalia anche in dieci anni e fino a 120 rate: ogni rata non supera il 20% del reddito mensile familiare o il 10% del valore di produzione aziendale; in alternativa, il debitore può richiedere un piano di rateazione con rate variabili di importo crescente per ciascun anno.

I Video di PMI