Tratto dallo speciale:

L’abbonamento alle terme è detraibile

di Teresa Barone

1 Maggio 2024 10:07

Le spese sostenute per le cure termali sono detraibili in dichiarazione dei redditi, ma solo in presenza di prescrizione medica.

Anche le spese relative alle cure termali, come le spese mediche e chirurgiche, possono essere detratte in fase di dichiarazione dei redditi se si è in possesso di una prescrizione medica che attesta il collegamento tra la patologia sofferta e l’effettiva prestazione sanitaria.

Sono esclusi, tuttavia, i costi sostenuti per il viaggio e per il soggiorno presso la struttura termale.

Stando alla normativa, le spese sostenute per l’abbonamento alle terme sono detraibili nella misura del 19%, se la cifra è superiore alla franchigia pari a 129,11 euro come previsto dal TUIR.

Per ottenere la detrazione fiscale, quindi, è necessario presentare:

  • la prescrizione medica;
  • la ricevuta del ticket se le cure termali sono state eseguite nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale;
  • la ricevuta con l’importo della spesa sostenuta se le cure termali sono state eseguite direttamente presso la struttura termale.

=> Contributi INPS soggiorni estivi e cure termali: bandi e domanda

In ogni caso, per fruire della detrazione è necessario che le prestazioni rese da strutture diverse da quelle pubbliche o private accreditate al SSN siano state pagate utilizzando sistemi di pagamento tracciabili.