Incentivi Società Benefit 2022: domande dal 19 maggio

di Redazione PMI.it

scritto il

Incentivi Società Benefit 2022: regole di domanda dal 19 maggio al 15 giugno per il credito d'imposta al 50% sulle spese di costituzione o trasformazione.

Partono gli incentivi Società Benefit 2022, riservati alle imprese che hanno sostenuto spese per diventarlo: dal 19 maggio possono presentare la domanda ministero dello Sviluppo economico per il previsto credito d’imposta del 50%. Il decreto direttoriale del 4 maggio 2022 contiene termini e modalità di presentazione delle istanze.

Cosa sono le società Benefit

Le società Benefit sono attività imprenditoriali che, oltre a perseguire normali finalità economiche, operano anche in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori, ambiente, beni, attività culturali, sociali, enti, associazioni e altri portatori di interesse. La mission aziendale rimane immutata ma ciò che cambia è il business model. La normativa di riferimento è l’articolo 1, commi 376 e seguenti, della legge 208/2015 (la Legge di Stabilità 2016, che ha introdotto nel nostro ordinamento la Società Benefit) mentre, per l’incentivo, si tratta dell’agevolazione prevista dal dl 34/2020 (Decreto Rilancio).

=> Benefit Corporation: un nuovo modello per fare impresa

L’incentivo Società Benefit

E’ possibile per un’impresa già esistente diventare Società Benefit modificando l’atto costitutivo o lo statuto (che deve contenere le finalità di beneficio comune nell’oggetto sociale). Il Decreto Rilancio (DL 34/2020) ha istituito a questo scopo un credito d’imposta pari alla metà dei costi di costituzione o trasformazione in società Benefit, fino a un massimo di 10mila euro. Per il bonus fiscale 2022, le spese devono essere state sostenute dal 19 luglio 2020 al 31 dicembre 2021. L’incentivo è finanziato con 7 milioni di euro, fino a esaurimento dell’importo.

Spese agevolate per diventare società Benefit

Rientrano fra le spese ammissibili quelle notarili, l’iscrizione al Registro imprese, spese inerenti all’assistenza professionale e alla consulenza sostenute e direttamente destinate alla costituzione o alla trasformazione in società benefit. Non rientrano invece i costi di altre imposte e tasse. L’imposta sul valore aggiunto (IVA) è ammissibile solo se rappresenta per il beneficiario un costo effettivo non recuperabile.

=> Aziende quotate in Borsa, sempre più Benefit o B-Corp

Come ottenere il bonus Società Benefit

Il decreto direttoriale del MiSE 4 maggio 2022 contiene moduli, regole e istruzioni per la presentazione delle domande al ministero dello Sviluppo economico, esclusivamente online, utilizzando la procedura informatica dedicata e i modelli allegati al provvedimento. La procedura si apre alle ore 12:00 del 19 maggio e si chiude alla stessa ora del 15 giugno 2022. L’accesso alla procedura informatica prevede identificazione e autenticazione tramite CNS (Carta nazionale dei servizi). Bisogna avere la PEC (Posta elettronica certificata).

Come utilizzare il credito d’imposta al 50%

Il credito d’imposta si utilizza in compensazione per l’anno 2021, utilizzando il modello F24 esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

La certificazione Benefit Corporation

Oltre all’incentivo fiscale per diventare Società Benefit, le imprese possono anche scegliere di dotarsi della certificazione di Benefit Corporation, che richiede il superamento di una valutazione del modello produttivo e organizzativo adottato (Benefit Impact Assessment), ottenendo un punteggio di almeno 80 punti in relazione apratiche, iniziative e risultati ottenuti in chiave di sostenibilità in quattro ambiti:

  1. Governance: in termini di trasparenza, correttezza e competenza;
  2. Persone: rispetto e valorizzazione individuale dei dipendenti;
  3. Community: interpretare l’impresa come parte attiva della realtà sociale;
  4. Ambiente: monitoraggio di tutte le fasi della filiera produttiva.