Tratto dallo speciale:

Compensazione debiti e cartelle con i crediti PA per tutto il 2021

di Redazione PMI.it

scritto il

Fino a fine anno è possibile compensare i crediti commerciali verso la PA per pagare debiti tributari e cartelle per ruoli affidati entro ottobre 2020.

La compensazione di debiti e cartelle esattoriali con crediti commerciali (certificati liquidi ed esigibili) maturati nei confronti delle pubbliche amministrazioni è stata prorogata per tutto il 2021 dalla legge di conversione del Decreto Sostegni (nuovo comma 17-bis dell’articolo 1 del decreto legge n. 41/2021).  In pratica, anche per l’anno in corso sarà possibile utilizzare i propri crediti commerciali verso la PA per pagare debiti tributari, ma solo per carichi affidati agli agenti della riscossione entro il 31 ottobre 2020.

Compensazione crediti e debiti PA

Si tratta della possibilità di compensare debiti tributari e commerciali – quindi anche cartelle esattoriali, accertamenti esecutivi dell’Agenzia delle entrate e avvisi di addebito INPS – utilizzando crediti PA vantati nei confronti della PA (amministrazioni statali, centrali e periferiche) a fronte di servizi, forniture e appalti erogati o ceduti da imprese e autonomi. Si possono sfruttare anche i crediti vantati nei confronti di scuole, università, enti locali o del SSN. I requisiti dei crediti sono i seguenti:

  • non prescritti (la prescrizione è di dieci anni quella ordinaria, tre anni per le parcelle dei professionisti, cinque anni per cessione di merci e prestazioni di servizi), i cui termini di interrompono o prolungano se il creditor notifica al debitore un sollecito di pagamento;
  • certi (devono risultare da un contratto o impegno di spesa registrato nelle scritture contabili);
  • liquidi, ossia quantificabili in base ad elementi del titolo giuridico da cui discendono;
  • esigibili, ossia senza impedimenti vari (es: eccezione di inadempimento, termine o condizione sospensiva);
  • certificati dall’amministrazione debitrice tramite piattaforma web.

Una volta ottenuta la Certificazione dei crediti, bisogna presentare domanda di compensazione all’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdER), che provvede al rilascio dell’attestato di pagamento (anche parziale). Per quanto riguarda la procedura, infatti, per la nuova proroga non è prevista l’emanazione di uno specifico provvedimento attuativo, quindi restano valide le modalità correnti, decretate con il DM 24 settembre 2014.