Bonus affitti: estensioni e proroghe nel Sostegni bis

di Barbara Weisz

scritto il

Sostegni bis: allargata la platea del bonus affitti per imprese fino a 15 milioni di euro e perdite del 30%, requisiti flessibili per il turismo.

Il credito d’imposta sugli affitti al 60% viene esteso a tutte le attività economiche che fatturano fino a 15 milioni di euro e viene prorogato fino al 31 luglio così come per le agenzie di viaggio e i tour operator, ma alle stesse condizioni previste nel 2020. Sono le novità in materia di abbattimento dei costi dell’affitto per imprese e professionisti inserite nel decreto Sostegni bis, in vigore dal 26 maggio 2021. Le misure sono contenute nell’articolo 4 (Estensione e proroga del credito d’imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d’azienda) del provvedimento, dl 73/2021.

Credito d’imposta locazioni commerciali e aziendali

La misura prevede si applica a tutte le attività che hanno ricavi o compensi fino a 15 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019 (secondo periodo d’imposta precedente a quello in corso nel maggio 2021) che nell’anno compreso fra il primo aprile 2020 e il 31 marzo 2021 abbiano subito una riduzione media mensile dei ricavi pari ad almeno il 30% rispetto ai 12 mesi precedenti. C’è quindi un allargamento della platea rispetto all’analoga norma 2020, che prevedeva un tetto di ricavi a 5 milioni di euro e un calo del fatturato del 50%. Il beneficio spetta per i canoni di affitto versati da gennaio a maggio 2021. Sono ammessi i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti. Le start-up che hanno iniziato l’attività a partire dal primo gennaio 2019 non devono avere il requisito della perdita di fatturato del 30%.

Bonus affitti turistici

Regole meno rigide per imprese turistico-ricettive, agenzie di viaggio e tour operator: in questo caso, è prorogato al 31 luglio 2021 (dal precedente 30 aprile) il credito d’imposta previsto l’anno scorso con il dl 34/2020. Quindi, agevolazione è al 60% e non c’è un tetto di fatturato, ma è invece prevista una perdita (sempre su ricavi e compensi pari ad almeno il 50% sullo stesso mese 2019). Ecco una sintesi schematica delle regole sull’accesso al credito d’imposta, che è sempre al 60%, per le diverse attività economiche:

  • imprese, autonomi, professioni: bonus affitti a gennaio a maggio 2021. Requisiti: tetto di fatturato 2019 15 milioni di euro, perdita di fatturato nel periodo primo aprile 2020-31 marzo 2021 pari almeno al 30% sui 12 mesi precedenti.
  • Enti del terzo settore: regole analoghe a quelle sopra esposte per le imprese.
  • Startup con inizio attività dal gennaio 2019: bonus affitti a gennaio a maggio 2021. Requisiti: tetto di fatturato 2019 a 15 milioni di euro.
  • Imprese turistico-ricettive, agenzie di viaggi, tour operator: bonus affitti esteso fino al 31 luglio 2021 (era già previsto fino al 30 aprile). Nessun tetto di fatturato. Spetta per le mensilità con perdita di compensi o ricavi pari ad almeno il 50% sullo stesso mese del 2019.

I Video di PMI