Aspetti contabili e fiscali delle prestazioni di lavoro interinale

di LavoroImpresa

scritto il

Nel lavoro interinale l'impresa utilizza la forza lavoro di un soggetto che formalmente risulta essere alle dipendente di terzi. Si tratta, quindi, di un rapporto triangolare dove un'impresa fornitrice mette a disposizione di un'impresa utilizzatrice un lavoratore interinale per far fronte a specifiche esigenze produttive.

=> Approfondisci il tema del lavoro interinale

Il contratto stipulato tra impresa fornitrice e impresa utilizzatrice è un tipico contratto di fornitura di natura commerciale, mentre quello che si instaura tra impresa fornitrice e lavoratore è un contratto di lavoro temporaneo a tempo determinato o indeterminato di natura giuslavoristica.

=> Leggi come la Riforma del lavoro ha cambiato i contratti

Sebbene i lavoratori abbiano rapporti contrattuali solo con l'impresa fornitrice – la quale rilascerà  regolare busta paga, provvederà  a versare gli oneri retributivi e contributivi e ad applicare eventuali sanzioni disciplinari applicabili – dovranno svolgere la propria attività  nell'interesse e sotto la direzione e il controllo dell'utilizzatore. In caso di inadempimento da parte dell'impresa fornitrice, gli oneri retributivi, contributivi e tributari devono essere versati dall'impresa utilizzatrice.

L'attività  di intermediazione nel mercato del lavoro è svolta da soggetti privati ed è disciplinata dagli articolo da 4 a 7 del Dlgs 276/2003. Sotto il profilo contabile l'impresa utilizzatrice dovrà  suddividere i costi in due componenti:

  • costi retributivi e contributivi da classificare tra i costi del personale;
  • costi per la prestazione svolta dall'azienda interinale da classificare fra i costi per servizi.

I costi corrispondenti al rimborso del costo dei dipendenti interinali è indeducibile ai fini Irap; il ricarico dell'impresa fornitrice è, invece, deducibile.

L'impresa fornitrice dovrà  classificare i costi sostenuti nel rapporto con il lavoratore come costi per servizi mentre i ricavi conseguiti dall'impresa utilizzatrice saranno classificati fra ricavi delle vendite e delle prestazioni. In sede di fatturazione delle prestazioni l'impresa fornitrice dovrà  dividere l'importo in 2 parti: la prima pari al rimborso degli oneri retributivi e contributivi (esclusa da Iva); la seconda pari al margine (Iva ad aliquota ordinaria). Il ricavo relativo al personale concesso non è tassabile ai fini Irap solo per la quota corrispondente al costo del lavoro mentre è soggetto solo il ricarico.