Aziende: più tecnologia, meno sicurezza?

di Noemi Ricci

scritto il

Secondo recenti studi le aziende italiane investono sempre più sui sistemi informativi e sulla prevenzione dei rischi introdotti dall'uso delle tecnologie informatiche

Negli ultimi anni le tecnologie informatiche sono diventate parte integrante e fondamentale dell’ambiente aziendale, che trae notevoli vantaggi da strumenti quali ad esempio firma digitale, business key e posta elettronica certificata.

Il rovescio della medaglia sta nelle molteplici minacce, con diversi gradi di criticità, connesse all’utilizzo di tali tecnologie e tradotti in attacchi informatici.

Si va dall’accesso non autorizzato a dati e informazioni riservati al danneggiamento o blocco della fornitura o fruizione di servizi, dal furto di credenziali di autenticazione alla compromissione dell’autenticità e disponibilità dei dati, fino all’uso illecito di risorse informatiche aziendali.

La testimonianza di quanto le aziende italiane stiano investendo su questo aspetto viene dalla recente indagine della School of Management del Politecnico di Milano e di Cefriel, secondo cui il 78% delle imprese dichiara di aver assegnato risorse professionali specifiche alla sicurezza II, e più del 50% di aver stanziato un apposito budget per la sicurezza ICT.

In futuro si farà ancora più ricorso alle tecnologie informatiche e telematiche, viste le recenti norme che mirano a semplificare la comunicazione con le Pubbliche Amministrazioni attraverso la digitalizzazione delle procedure richieste dalle imprese. Ecco perché il tema della sicurezza del sistema informativo aziendale diventa più che mai attuale, una priorità assoluta per qualsiasi impresa, di qualsivoglia dimensione, pubblica o privata.

CNA, Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, riaprirà il confronto su questi argomenti nel convegno Sicurezza informatica aziendale e procedure digitali per la semplificazione dei rapporti con la Pubblica Amministrazione, che si svolgerà a Ravenna il 21 febbraio prossimo. L’iniziativa è gratuita e aperta al pubblico.