L’IT e l’azienda agile

di Paolo Iasevoli

scritto il

Per il 30% delle imprese, le ICT sono la chiave per diventare più flessibili. Con questa convinzione, la softwarehouse Serena ha lanciato il programma "Agile in the Enterprise"

Un servizio di coaching e 2 software per il project management: questa la ricetta che Serena ha presentanto nel suo nuovo programma “Agile in the Enterprise”.

La strategia della softwarehouse californiana non è casuale, ma risponde a una precisa esigenza evidenziata dalle stesse imprese, che hanno dimostrato di voler raggiungere livelli più elevati di flessibilità, snellendo le strutture organizzative e velocizzando le procedure.

Il mezzo per raggiungere questo obiettivo sarebbe l’infrastruttura teconologica. Secondo una recente ricerca condotta da Gartner, infatti, ben il 29% delle imprese ha indicato la componente IT come la chiave di svolta per acquisire l’agognata “agilità”.

Nessuna sorpresa, dunque, se i produttori di software aziendali incentrino sempre maggiormente le proprie offerte su soluzioni modulari, che si adattano ai cambiamenti dell’impresa, permettendole al contempo di essere più adattiva nei confronti dell’ambiente esterno.

Serena è andata oltre proponendo, oltre a 2 software, un programma completo di coaching in grado di formare il personale aziendale e la dirigenza per avvicinarli alla filosofia dell’agilità. Per quanto riguarda i prodotti offerti dalla compagnia di San Mateo, sono incentrati sul project management, e mirano a snellire i processi di lavoro e di gestione dell’infrastruttura IT aziendale.

Agile Accelerator for Mariner è un software di PPM (Project and Portfolio Management) che permette di monitorare e gestire i vari progetti aziendali, e di ottimizzare l’implementazione di soluzioni IT nel modo più efficace e veloce possibile.

TeamTrack è invece incentrato sulla gestione di processi, in particolare quelli legati all’infrastruttura tecnologica dell’azienda. Anche in questo caso le operazioni sono volte alla massima agilità, grazie a configurazioni “on-the-fly” e all’accesso in tempo reale ai dati attraverso il Web.