Tratto dallo speciale:

Innovare l’azienda di famiglia: la masterclass di Vergnano

di Redazione PMI.it

scritto il

I consigli di Carolina Vergnano nella masterclass su Competenze.it: 5 cose da sapere per gestire e innovare un'impresa familiare.

La gestione di un’azienda di famiglia può essere molto più complessa del lancio di un’impresa da zero. Affrontare un passaggio generazionale, innovare l’attività rispettando la storia del proprio marchio, entrare sui mercati internazionali: Carolina Vergnano, imprenditrice alla guida del noto brand di caffè, spiega come affrontare queste dinamiche in una masterclass su Competenze.it, la piattaforma creata da Marco Montemagno per imparare dalle migliori eccellenze italiane. Consigli, errori, strategie, esperienze quotidiane vissute in prima persona nell’ambito di una realtà famigliare che ha quasi 150 anni.

La nostra azienda ha una lunga storia alle spalle, è nata nel 1882. È stata fondata da Domenico Vergnano, il mio bisnonno, e da allora è sempre rimasta nelle mani della famiglia Vergnano. Oggi siamo 5 Vergnano: Franco, Carlo e poi mio fratello Enrico e mio cugino Pietro. Lavoriamo tutti insieme in un ambiente sereno e stimolante. Ci sono, però, tante cose da imparare nell’ambito di un family business, tanti trucchi da mettere in atto, sia che siate imprenditori, sia che siate manager a dover affrontare, integrarvi in una family company.

Le caratteristiche, l’unicità, le difficoltà di un family business hanno contribuito all’esperienza di Carolina fin da bambina, molto prima del suo ingresso in Caffè Vergnano nel 2005. Ecco quali sono gli insegnamenti più importanti in un’impresa famigliare:

  1. Crea il tuo stile di leadership. I successori di un business di famiglia che ne ricevono la leadership devono conquistare la fiducia di tantissimi soggetti e rischiano di venire offuscati dal ruolo del predecessore. Costruisci la tua carriera tra educazione e professione, per contribuire all’azienda con la tua unicità, per dare un’impronta personale alla tua forma di leadership. La formazione continua, dentro e fuori dai confini dell’azienda, è importante per trovare sempre nuove soluzioni e valorizzare l’identità del marchio insieme al mondo che cambia.
  2. Passaggio generazionale: dare l’esempio. Gestire un gruppo che coinvolge più componenti o rami della stessa famiglia richiede una visione futura sulle competenze che serviranno negli anni e molta organizzazione. L’insegnamento più importante però, quello che trascende i cambiamenti di contesto e di mercato, riguarda la forma mentis da trasmettere ai successori e questa si acquisisce solo con l’esempio. Arrivare prima di tutti in sede, instaurare un certo tipo di rapporto con i dipendenti, gestire spazi e tempi con un metodo e così via. 
  3. Crescita: pensare in grande, scegliendo una strategia. Non è sempre detto che scegliere di restare in una nicchia o un singolo territorio sia sbagliato, ma se l’azienda sceglie di fare un salto di qualità deve ponderare bene la propria strategia. In alcuni casi conviene orientarsi alla diversificazione, in altri all’internazionalizzazione. Queste due alternative, comportano focus diversi sul prodotto, sulle competenze interne da sviluppare, sulle partnership, sulla comunicazione.
  4. Il team è parte della famiglia. I manager di successo nell’ambito di una realtà famigliare sono molto diversi dai manager di grandi realtà. Hanno competenze e sensibilità diverse, ma hanno soprattutto la convinzione di partecipare a qualcosa di più grande, di più duraturo della loro stessa presenza. Farli sentire parte della famiglia può davvero fare la differenza.
  5. Traghettare l’azienda nell’era digitale. Restare al passo con i tempi, senza rinnegare i propri valori è una delle maggiori sfide per un’impresa di famiglia. Ascoltare e comunicare in prima persona con il proprio pubblico oggi è imprescindibile. Non affidare i tuoi social a un’agenzia, mettici la faccia. Il digitale deve influenzare non solo i processi di comunicazione, ma anche quelli organizzativi. Adottare una mentalità agile, favorendo il libero accesso alle informazioni, darà una spinta ulteriore a idee, creatività e nuove soluzioni ai problemi.