Tratto dallo speciale:

Da PMI ad e-shop: le opportunità del digitale per le piccole imprese italiane

di Redazione PMI.it

scritto il

Abbiamo intervistato Filippo Dattola, Country Manager di idealo in Italia, per fare un punto sull’e-commerce 2021 e parlare degli imminenti idealo days.

Lunedì 22 e martedì 23 marzo tornano gli idealo Days, lo shopping event voluto da idealo – uno dei principali comparatori prezzi in Europa – durante il quale sarà possibile fare acquisti dagli e-shop italiani aderenti all’iniziativa con grandi sconti. Con l’occasione, abbiamo parlato con Filippo Dattola, Country Manager di idealo in Italia, per capire come si sta muovendo il mercato e-commerce in questo inizio 2021 e, soprattutto, come le PMI italiane possono avvantaggiarsene. Il primo step è sicuramente quello di passare al digitale e diventare, quindi, un e-shop.

Qual è secondo il vostro osservatorio lo stato degli e-shop italiani? Come stanno affrontando il momento?

Il mercato dell’e-commerce, che già nel 2019 era cresciuto del +16%, ha registrato un’ulteriore impennata del +24% nel 2020 con tanti consumatori che per la prima volta hanno conosciuto la convenienza di acquistare online e, al contempo, con tanti nuovi settori che hanno iniziato a vendere online a causa della pandemia di COVID-19 e dei necessari lockdown. Questo cambio di abitudine sta portando ad una nuova economia, di cui le PMI italiane potranno sicuramente beneficiare, allargando il proprio bacino d’utenza tra mondo online e offline.

Nel corso dell’ultimo anno, il numero di offerte da parte dei negozi italiani online presenti su idealo è aumentato del +18% rispetto ai 12 mesi precedenti. Allo stesso modo, il loro numero è cresciuto del +12% nello stesso arco di tempo, a dimostrazione del fatto che sempre più e-shop hanno colto l’importanza di essere presenti su un portale internazionale come quello di idealo, in grado di offrire grandi vantaggi non solo in Italia, ma anche in Europa. Inoltre, le intenzioni di acquisto riconducibili agli e-shop italiani sono state il 50% di quelle totali: questo dato ci mostra come i piccoli e medi negozi online siano davvero importanti per l’e-commerce del nostro paese.

L’Italia ha ancora tanto lavoro da fare per affermarsi sul mercato e-commerce europeo e mondiale, ma se qualcosa di positivo questo periodo di emergenza ha portato è stato proprio quello di colmare un gap importante, accelerando quel processo di trasformazione digitale che in Italia ha sempre stentato a decollare.

Quali settori sono più in difficoltà e quali invece stanno ottenendo i migliori risultati?

Analizzando i comportamenti d’acquisto degli utenti italiani online possiamo capire quali sono i settori trainanti dell’e-commerce italiano: ciò che abbiamo notato a primo impatto esaminando questi dati all’inizio dell’anno è che se fino ad oggi  le categorie regine delle vendite online sono state l’elettronica e l’abbigliamento, rappresentando quasi il 50% del totale delle intenzioni d’acquisto degli utenti, nel 2020 si è assistito ad un boom nella domanda di prodotti e generi assunti a “notorietà” per le vicende legate alla pandemia e alle restrizioni durante i mesi di lockdown.

Quindi, sono tornati di forte interesse settori quali quello dell’arredamento, del fai da te, della cura delle piante e della sistemazione dei propri giardini e balconi. Ma ancora, altro balzo importante è stato registrato nel settore dell’home fitness e della cura di sé.

Più in generale abbiamo osservato come i boom dell’e-commerce nel 2020 abbiano interessato tante categorie eterogenee come quella del food & beverage, dei prodotti per animali, dei prodotti per bambini e neonati ed il settore gaming. Da segnalare, in particolare, la crescita dell’interesse online per il settore dell’informatica, per via della grande richiesta di strumenti per l’home office e la didattica a distanza.

Riguardo agli idealo Days, quale tipologia di e-shop (settore di competenza) è stato più ricettivo a prendere parte al progetto?

Gli idealo Days sono nati lo scorso anno proprio per sostenere l’economia e gli e-shop italiani con una particolare attenzione verso le PMI, specialmente quelle che si sono affacciate all’e-commerce per la prima volta nel corso dell’ultimo anno. È proprio questo il target che vogliamo tutelare e che ha recepito questo evento con entusiasmo, proponendo una quantità sempre maggiore di offerte per tutti gli utenti che utilizzeranno idealo nei giorni 22 e 23 marzo.

In particolare, l’iniziativa di quest’anno è stata pensata soprattutto per le categorie presenti in Elettronica & Gaming, Moda & Accessori e Sport sul portale italiano di idealo. Possiamo condividere i nomi degli e-shop che parteciperanno agli idealo Days 2021 grazie a numerose offerte speciali, pensate appositamente per i nostri utenti: cisalfasport.it, comunelloshop.it, emp-online.it, fotofenice.com, freeshop.it, hwonline.it, iglm.store/it, maxisport.com, monclick.it, nencinisport.it, quellogiusto.it, sportlandweb.it, sportler.com/it, supermedia.it.

Se doveste dare un consiglio ad una PMI italiana che abbia iniziato quest’anno il suo passaggio al digitale, cosa le suggerireste?

Il consiglio principale è quello di perseguire questa direzione e non lasciarsi scoraggiare, in quanto una PMI che si avvicina all’e-commerce sta diversificando i propri canali di vendita, adottando una strategia multicanale e ampliando il proprio bacino d’utenza.

La presenza online è essenziale per poter raggiungere il maggior numero di clienti possibile e ciò anche a fronte del sempre crescente utilizzo dei dispositivi mobili. Per allargare ulteriormente questa platea, è essenziale inoltre stringere partnership con i principali portali di comparazione prezzi, così che le proprie offerte possano essere più visibili e in grado di raggiungere un maggior numero di utenti, in Italia ed Europa.

Infatti, essere presenti online è un modo veloce per internazionalizzare i propri prodotti e il proprio brand, così da vendere anche all’estero. Certo, bisognerà essere particolarmente attenti proponendo portali multilingua, metodi di pagamento ad hoc per ogni mercato di riferimento e una particolare attenzione a tutte le possibili necessità degli utenti.

I Video di PMI