Tratto dallo speciale:

Energy Release: prezzo calmierato alle imprese, decoupling e price cap più vicini

di Alessandra Gualtieri

scritto il

Decreto Energy Release, 18 terawattora mediante aste a prezzo controllato alle imprese interrompibili ed energivore: tetto a 210 euro per MWh.

Il ministro per la Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, ha firmato il decreto “Energy Release”, per la vendita diretta dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili alle imprese energivore e interrompibili industriali a un prezzo calmierato di 210 euro a megawattora, circa la metà di quello di mercato. Si tratta di 18 terawattora di energia, assegnati con aste del GSE.

L’obiettivo è allinearsi all’obiettivo del disaccoppiamento (decoupling) che la Commissione Europea sta studiando per separare il prezzo dell’energia elettrica da quello del gas, tarandosi su un prezzo calmierato di 180 euro a megawattora come tetto sulla generazione da rinnovabili.

Per quanto riguarda invece il tetto al prezzo del gas, come noto la questione è ancora dibattuta a livello europeo ma si stanno compiendo passi in avanti: la Commissione UE ha avuto mandato di elaborare una proposta entro fine mese, e sta lavorando ad un pacchetto finale sul price cap.

Il prossimo appuntamento chiave è quello del 30 settembre, giorno in cui è stato convocato un Consiglio straordinario dei Ministri dell’Energia per arrivare ad una decisione finale.