Tratto dallo speciale:

Manovra, l’elenco delle misure nel testo del Ddl

di Redazione PMI.it

scritto il

Ddl Bilancio 2022 per il prossimo triennio: ecco l'elenco di tutte le misure e le risorse inserite dal Governo nel testo della Manovra.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge con il Bilancio 2022 e quello del triennio 2022 – 2024. La Manovra tracciata dal Governo è di tipo espansivo, in linea con quanto previsto dalla Nota di aggiornamento al DEF, per sostenere l’economia nel processo di uscita dalla pandemia Covid-19 e consolidare, allo stesso tempo, gli investimenti e le riforme del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Vediamo nel dettaglio le misure previste e le risorse stanziate nella Legge di Bilancio.

Fisco

Per ridurre il cuneo fiscale IRPEF (per i cittadini) e l’IRAP (per imprese) è previsto un pacchetto di misure da 8 miliardi di euro, di cui 6 mld con un nuovo stanziamento e 2 mld “ereditati” dalla precedente manovra economica. Tra gli altri interventi previsti:

  • Plastic e Sugar tax rinviate al 2023 (costo: 650 milioni);
  • aggio sulla riscossione per operazioni dal 1° gennaio 2022, interamente a carico dello Stato;
  • riduzione dal 22% al 10% per l’IVA sugli assorbenti;
  • misure per contenere l’aumento dei costi dell’energia (costo: 2 miliardi).

Investimenti pubblici

  • Stanziati circa 70 miliardi per investimenti delle amministrazioni centrali e locali dal 2022 al 2036:
    • infrastrutture ferroviarie e autostradali, metropolitane
    • interventi a tutela del patrimonio culturale e per l’edilizia scolastica.
  • Definite anche le risorse per il Giubileo di Roma e per le Olimpiadi di Milano-Cortina.
  • Aumentata la dotazione del Fondo di Sviluppo e Coesione per il 2022-2030 (23,5 miliardi).
  • Rifinanziati gli interventi per la ricostruzione privata delle aree colpite dal sisma in Centro Italia (6 miliardi).

Investimenti privati e imprese

  • Per gli investimenti immobiliari privati, sono prorogati fino al 2024 gli incentivi in edilizia con detrazione al 50% e al 65%. Le agevolazioni al 110% (Superbonus) sono estese al 2023 per Condomini e IACP, con riduzione al 70% nel 2024 e al 65% nel 2025, mentre per le altre abitazioni (unità immobiliari monofamiliari) l’incentivo resta al 110% è esteso anche al secondo semestre 2022 se si tratta di abitazioni principali di persone fisiche ed è rispettato il requisito ISEE (25mila euro). Il Bonus Facciate è prorogato fino al 31 dicembre 2023 ma con percentuale agevolata ridotta al 60%.
  • Per gli investimenti delle imprese, sono prorogate e rimodulate le misure di Transizione 4.0 fino al 2025, sono rifinanziati il Fondo di Garanzia PMI (per 3 miliardi di euro), la Nuova Sabatini e gli incentivi per l’internazionalizzazione delle imprese. La possibilità di trasformare le Deferred Tax Assets (DTA) in crediti di imposta viene estesa fino al 30 giugno 2022, con la stessa percentuale e un tetto massimo per singola operazione.

Politiche sociali

  • Il Reddito di Cittadinanza è finanziato con un miliardo di euro ogni anno, confermando l’importo 2021: vengono rafforzati i controlli e introdotti correttivi che prevedono una revisione delle offerte di lavoro congrue, un decalage del sussidio mensile per che è abilitato al lavoro, sgravi contributivi per imprese che assumono titolari del RdC e benefici fiscali per gli intermediari.
  • In tema di pensioni, si introducono interventi di durata annuale (2022), prevedendo un requisito di 64 anni di età e 38 anni di contributi (Quota 102); prorogata per un anno anche l’Opzione Donna e  e l’APE Sociale, allargata ad ulteriori categorie di soggetti che hanno svolto lavori gravosi.
  • Si dà attuazione alla riforma degli ammortizzatori sociali (3 miliardi di euro nel 2022), con un aumento dei sussidi di disoccupazione e un’estensione della cassa integrazione salariale (ordinaria e straordinaria) per i lavoratori di imprese oggi non inclusi, ed anche ad apprendisti e lavoratori a domicilio. Sono previsti anche incentivi per chi ricorre ai contratti di solidarietà e la proroga per il 2022 e il 2023 del contratto di espansione per tutte le imprese da 50 dipendenti in su. Infine, il congedo di paternità di 10 giorni diventa  strutturale.

Giovani

  • Finanziamento permanente del Bonus Cultura per i diciottenni.
  • Estesi per il 2022 gli incentivi prima casa under 36
  • Finanziati il Fondo affitti giovani e il Fondo per le politiche giovanili.

Pubblico Impiego

Finanziamento permanente di un fondo per le assunzioni con 250 milioni di euro e l’incremento del trattamento economico accessorio per 360 milioni. Sono previste ulteriori risorse per la formazione dei dipendenti pubblici.

Sanità

Il Fondo Sanitario Nazionale viene finanziato con 2 miliardi di euro aggiuntivi ogni anno fino al 2024. Per il 2022 sono stanziati 1,8 miliardi per l’acquisto di vaccini e medicinali anti-Covid ed ulteriori risorse per farmaci innovativi (600 milioni nel triennio). Le borse di studio per gli specializzandi in medicina vengono portate in via permanente a 12.000 l’anno e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale sono autorizzati a stabilizzare il personale assunto a tempo determinato durante l’emergenza.

Scuola, Università, Ricerca

  • Contributo  spese di ricerca delle imprese rimodulato ed esteso fino al 2031.
  • Aumentata la dotazione del Fondo di Finanziamento ordinario per l’Università e del Fondo Italiano per la Scienza.
  • Nuovo Fondo Italiano per la Tecnologia.
  • Ulteriori fondi per gli enti di ricerca e il Consiglio Nazionale delle Ricerche.
  • Proroga fino a giugno dei contratti a tempo determinato degli insegnanti durante l’emergenza.
  • Risorse aggiuntive per i libri di testo gratuiti.
  • Introduzione dell’educazione motoria per classi di quarta e quinta elementare.

Regioni ed enti locali

Vengono stanziati  1,5 miliardi per diversi interventi tra cui l’incremento del Fondo per il Trasporto Pubblico Locale e risorse aggiuntive per garantire i livelli essenziali a regime per gli asili nido e la manutenzione della viabilità provinciale.