Crisi IT? Assintel: detassazione e rottamazione pc, basta IRAP

di Noemi Ricci

scritto il

Alla luce dei dati del rapporto Assintel 2009 sul mercato IT in Italia, l'associazione chiede al Governo una politica di supporto all'IT: detassazione per investimenti IT, rottamazione pc e abolizione IRAP

È di ieri la conferma negativa sullo stato di salute del mercato Information Technology in Italia: il rapporto Assintel 2009 sulla spesa IT nel Paese, che chiuderà l’anno a -4,5%. A fronte dei dati, l’Associazione propone quindi una sua ricetta anticrisi, evidenziando la mancanza di una politica strutturale di sostegno da parte del Governo.

Assintel denuncia la scarsa attenzione economico-politica nei confronti del settore IT, soprattutto se paragonato ad interventi attuati nei confronti dell’industria automobilistica.

Assintel propone analoghi incentivi per la rottamazione Software e Hardware, come per auto, motorini e biciclette.

Non solo, l’Associazione Imprese ICT chiede l’abolizione IRAP per le piccole imprese, la limitazione IVA sopra un certo giro d’affari, credito d’imposta e detassazione per gli investimenti IT.

E poi ancora, voucher formativi alle Pmi, limiti ai subappalti e al ribasso delle tariffe IT nelle gare d’appalto della PA e il rispetto dei termini di pagamento fatture per le piccole e medie imprese dell’IT.

Il quadro fosco, d0altronde, richiederebbe l’apertura di un tavolo con i ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Innovazione, per vagliare proposte e soluzioni.

Il Direttore Generale di Confcommercio, Luigi Taranto, ha dichiarato a margine della presentazione del rapporto che «per uscire dalla crisi occorrono misure anticicliche urgenti che si concentrino sui problemi di lungo periodo, tra i quelli spicca la produttività stagnante. In questo senso, la ricetta è maggiore concorrenza ma soprattutto maggiore innovazione. Serve una politica che faccia davvero i conti con la realtà del tessuto produttivo italiano, fatto per la maggior parte di Pmi e di servizi, riconoscendone il peso e la specificità».

Resta infine il problema della digital divide, visto non solo come mancanza di infrastrutture ma soprattutto come assenza di cultura informatica, di alfabetizzazione che non permette alle realtà più piccole e/o tradizionali, di innovare al loro interno i processi, di razionalizzare, di modificare l’approccio al cliente, limitandone la competitività.

I Video di PMI

Nuovo regime di cassa per imprese minori