Ammortizzatori sociali per aree di crisi e stagionali

di Barbara Weisz

scritto il

Potenziati gli ammortizzatori sociali per le aree di crisi complessa, con un anno in più di sostegno al reddito, e per i lavoratori stagionali, un mese in più di NASpI: negoziato governo sindacati.

Un anno in più di cassa integrazione o trattamento di disoccupazione nelle aree di crisi complessa, NASpI potenziata per i lavoratori stagionali: sono i correttivi al Jobs Act sul fronte degli ammortizzatori sociali annunciati dal Governo e che saranno tradotti in legge prima della Legge di Stabilità. Ne hanno discusso, in una riunione tecnica, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil.

=> Nuovi ammortizzatori sociali per crisi aziendale

Per le aree di crisi complessa, ambiti territoriali con caratteristiche definite dalla legge in cui sono in corso processi di industrializzazione che necessitano di una particolare attenzione e sostegno, si prevedono le seguenti misure di sostegno al reddito per chi termina gli ammortizzatori sociali nel 2016:

  • lavoratori in cassa integrazione straordinaria che concludono la copertura entro il 2016, oppure persone collegate ancora all’impresa in CIGS che dovrebbero passare alla NASPI: ulteriori 12 mesi di cassa integrazione, in presenza di piano di recupero occupazionale da parte dell’impresa. Risorse disponibili per coprire la misura: 85 milioni di euro, da ripartire sulla base delle richieste delle Regioni al ministero;
  • lavoratori che hanno concluso l’ASpI o la mobilità nel 2016: previsto un ammortizzatore sociale da 500 euro al mese per 12 mesi, a patto che il lavoratore si renda disponibile ad interventi di politiche attive promossi dalla Regione. Risorse disponibili: 150 milioni di euro. Le regioni si impegnano a investire almeno un 20% di quanto ripartito a livello territoriale su interventi di politiche attive.

=> Ammortizzatori sociali Jobs Act: istruzioni INPS per aziende

Previsti poi una serie di misure per i lavoratori stagionali: un mese di NASPI in più, fino ad un massimo di 4, se hanno avuto rapporti di lavoro stagionale per almeno 3 anni negli ultimi 4 anni. Risorse disponibili, 135 milioni di euro. Il Governo annuncia infine interventi a favore delle aree colpite dal terremoto in Centro Italia del 24 agosto, sul fronte degli ammortizzatori sociali e degli aiuti alle imprese.