Contratto a chiamata senza obbligo di risposta e CIG

Risposta di Barbara Weisz

scritto il

Vale chiede:

Vorrei sapere se vi è distinzione per quanto concerne la cassa integrazione in deroga tra contratto a chiamata con obbligo di risposta e contratto a chiamata senza obbligo. Entrambe le tipologie rientrano tra quelle previste nel CIG, settore ristorazione, o solo quella con obbligo di risposta?

Entrambe le tipologie di lavoro intermittente rientrano nel diritto alla cassa integrazione. Lo specifica la circolare INPS 47 /2020, ovvero il documento di prassi che fornisce le istruzioni operative sulle diverse forme di cig previste con causale Covid-19 dal decreto Cura Italia (dl 18/2020).

=> Intermittenti a chiamata: cassa integrazione o indennizzo?

Fra i lavoratori con diritto alla cig, specifica l’istituto di previdenza, «rientrano anche i lavoratori intermittenti di cui agli articoli da 13 a 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015». Il riferimento è alle norme del Jobs Act sui contratti intermittenti, che comprendono sia i lavoratori con obbligo di risposta sia quelli che, invece, non hanno obbligo di risposta.

Le ricordo che la cig con causale Covid-19 è concessa ai lavoratori che erano già assunti alla data del 17 marzo 2020 (in base alla modifica prevista dal dl liquidità imprese).

Hai una domanda che vorresti fare ai nostri esperti?

Chiedi all'esperto

Risposta di Barbara Weisz