Garanzia Giovani e assunzioni: criteri di profilazione

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Adottata la metodologia di definizione del sistema per la profilazione per il Piano Garanzia Giovani.

Pubblicato sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e sul sito istituzionale del programma Garanzia Giovani il Decreto Direttoriale n. 10/SegrDG/2015 con il quale viene adottata la metodologia di definizione del sistema per la profilazione degli iscritti al portale. Si tratta della metodologia di calcolo utilizzata in via sperimentale nel periodo compreso tra il 1° maggio 2014, quando ha preso il via il Programma Garanzia Giovani, e il 31 gennaio 2015 e aggiornata a partire dal 1° febbraio 2015. L’obiettivo è permettere ai Servizi per l’Impiego di individuare e garantire a ciascun giovane iscritto al programma un percorso individuale coerente con le proprie caratteristiche personali, formative e professionali.

=> Garanzia Giovani: bandi assunzione e stage

Coefficiente di svantaggio

In sostanza per ciascun giovane viene determinato il livello di distanza dal mercato del lavoro, ovvero viene assegnato un coefficiente di svantaggio: un indice che rappresenta la probabilità di non essere occupato e di trovarsi nella condizione di Neet. Nel calcolo viene tenuto conto:

  • delle caratteristiche individuali quali età, genere, percorso formativo, esperienza lavorativa, etc.;
  • delle caratteristiche del territorio di residenza quali profilo del sistema produttivo locale, tasso di disoccupazione regionale o provinciale, e così via.

=> Garanzia Giovani: iscrizioni, annunci, novità

Sulla base dell’indice di profilazione individuato, che prevede 4 fasce di svantaggio, viene determinato l’importo del bonus occupazionale che spetta ai datori di lavoro che assumono gli iscritti al Programma. Per il periodo dal 1 maggio 2014 al 31 gennaio 2015 le 4 fasce di svantaggio sono determinate in corrispondenza dei valori dell’indice riportati nella seguente tabella:

Indice di svantaggio

Limiti delle classi di svantaggio definiti dal valore di p

Minimo Massimo
1 – basso 0,000000 0,650716
2 – medio basso 0,650717 0,805638
3 – medio alto 0,805639 0,897500
4 – alto 0,897501 1,000000

Le modalità di calcolo del profiling sono state così aggiornate a partire dal 1° febbraio 2015:

Indice di svantaggio

Limiti della classi di svantaggio definiti dal valore di p

Minimo Massimo
1 – basso 0,000000 0,250000
2 – medio basso 0,250001 0,500000
3 – medio alto 0,500001 0,750000
 4 – alto 0,750001 1,000000

Per maggiori informazioni consulta il Decreto Direttoriale del 23 gennaio 2015 n.10.