Bonus assunzioni al Sud: nuove regole

di Noemi Ricci

scritto il

"Incentivo occupazione Sud" è il nuovo sgravio contributivo per le assunzioni 2017 nel Mezzogiorno: guida alle regole per fruire del nuovo bonus assunzioni.

Cambiano le regole per la fruizione del bonus assunzioni, sgravio contributivo riservato alle imprese del Sud che assumano con contratto a tempo indeterminato, anche in apprendistato, dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017. La nuova decontribuzione prede il nome di “Incentivo occupazione Sud“. I datori di lavoro interessati dovranno inoltrare all’INPS, esclusivamente in via telematica, una domanda preliminare di ammissione, indicando i dati relativi all’assunzione effettuata o che intenderanno effettuare.

=> Assunzioni agevolate, incentivi 2017

Bonus

Lo sgravio contributivo viene concesso, con esclusione di premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di 8.060 euro per lavoratore assunto. E’ possibile fruire dell’incentivo anche in caso di assunzione a tempo parziale, in questo caso lo sgravio sarà ridotto proporzionalmente rispetto al tempo pieno. Lo sgravio potrà essere fruito esclusivamente tramite conguaglio nelle denunce contributive mensili dalle aziende all’INPS. L’incentivo non è cumulabile con altri incentivi all’assunzione di natura economica o contributiva, ad eccezione dell’agevolazione prevista per l’apprendistato.

Requisiti

Il beneficio contributivo, che rientra nel Programma Operativo Nazionale “Sistemi di Politiche Attive per l’Occupazione” (PON SPAO), sarà fruibile entro il 28 febbraio 2019 dalle imprese con sede legale nelle seguenti Regioni:

  • meno sviluppate“: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia;
  • in transizione“: Abruzzo, Molise e Sardegna.

=> Requisiti di sicurezza per il bonus assunzioni

I lavoratori assunti devono risultare in possesso dei seguenti requisiti:

  • disoccupati, ovvero privi di impiego;
  • aver dichiarato – ai sensi dell’articolo 19, del Decreto Legislativo n. 150/2015 – in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro, concordate con il Centro per l’impiego;
  • essere giovani di età compresa tra i 15 anni e 24 anni oppure lavoratori con oltre 24 anni di età, “privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi”.

=> Impiego, al via nuovi centri e assegno

Risorse

Il Decreto 21 novembre 2016 del Ministero del Lavoro che regolamenta il nuovo bonus è attualmente in visione alla Corte dei Conti per la verifica circa la copertura finanziaria. Al momento, le risorse finanziarie stanziate per la nuova agevolazione contributiva sono pari a 530 milioni di euro, così suddivisi:

  • 500 milioni destinati alle aziende che assumono lavoratori nelle Regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
  • 30 milioni destinati alle aziende che assumono lavoratori nelle Regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna).