Tratto dallo speciale:

Pensioni: tabella aumento pensioni 2024 e novità nel prossimo cedolino

di Anna Fabi

14 Febbraio 2024 14:49

Pensioni: dopo l'aumento 2024 per la rivalutazione, nel cedolino di marzo le nuove addizionali comunali e da aprile il ricalcolo degli scaglioni IRPEF.

Nel cedolino pensione di marzo 2024 arrivano i temuti acconti delle addizionali comunali (trattenuti a rate da marzo a novembre). A partire da quello di aprile, invece, ci saranno gli adeguamenti in base all’accorpamento dei primi due scaglioni IRPEF).

Tutte le variazioni d’imposta si applicheranno agli importi spettanti in base alle tabelle INPS sull’aumento delle pensioni 2024.

Tabella aumento pensioni 2024

Applicando la rivalutazione del 5,4%, lo ricordiamo, l’indicizzazione applicata da gennaio è stata piena per gli assegni fino a quattro volte il minimo (lordo) mentre è scesa fino al 22% sopra le dieci volte secondo il ben noto schema:

  • fino a 4 volte il minimo: indicizzazione 100%
  • fra 4 e 5 volte il minimo: indicizzazione 85% 
  • tra 5 e 6 volte il minimo: indicizzazione 53%
  • tra 6 e 8 volte il minimo: indicizzazione 47%
  • fino a 10 volte il minimo: indicizzazione 37%
  • oltre 10 volte il minimo: indicizzazione 22%

Il trattamento minimo 2024 è salito a a 598,61 euro (ossia 7.781,93 euro all’anno) ma con un ulteriore 2,7% in via transitoria per quest’anno (arrivando a 614,77 euro al mese). L’assegno sociale è arrivato invece a 534,40 euro.

Integrazione al minimo 2024

L’incremento delle minime era già stato stabilito dalla Manovra dell’anno scorso: 2,7 punti percentuali per l’anno 2024. Di conseguenza, chi ha l’integrazione al minimo, nel 2024 avrà dunque una pensione pari a 614,77 euro (per 13 mensilità):

Anche i limiti di reddito per l’integrazione al minimo sono stati rivalutati: le nuove fasce di riferimento sono contenute nell’Allegato 2 della Circolare, Tabella D.

Pensione minima e trattamenti assistenziali

  • La pensione minima dal 1° gennaio 2024 è pari a 598,61 euro (che significa 7.781,93 euro all’anno).
  • L’assegno vitalizio 2024 si porta a 341,24 euro (ovvero 4.436,12 euro annui).
  • L’assegno sociale sale a 534,41 euro (dai precedenti 507,03 del 2023).
  • Le prestazioni sociali assistenziali a favore degli invalidi civili (assegno mensile e pensione di inabilità civile) raggiungono i 333,33 euro al mese.
  • L’indennità di accompagnamento sale a 531,76 euro al mese.

Aumenti pensione per fascia di reddito

Considerando che l’adeguamento all’inflazione per il 2024 è stato fissato dall’ISTAT al 5,4%, ecco in che misura si rivalutano i diversi trattamenti previdenziali:

Calcolo aumenti per fascia di pensione

  • Pensioni fino a 4 volte il minimo (2mila 272 euro lordi): una pensione di 2mila euro lordi aumenta fino a 2mila108 euro.
  • Pensioni fra 4 e 5 volte il minimo (da 2mila 272 a 2mila 840 euro lordi): una pensione di 2mila 500 euro aumenta di 115 euro portandosi a 2mila 615;
  • Pensioni fra 5 e sei 6 il minimo (da 2mila 840 a 3mila308 euro lordi): un trattamento di 3mila euro si incrementa di 87 euro salendo a 3mila 87 euro al mese;
  • Pensioni fra 6 e 8 volte il minimo (da 3mila 308 a 4mila544 euro lordi): una pensione di 3mila 500 euro sale di 87,5 euro arrivando a 3mila 587,5.
  • Pensioni fra 8 e 10 volte il minimo (da 4mila544 euro a 5mila679 euro lordi): un assegno da 5mila euro lordi sale di 100 euro al mese portandosi a 5mila 100 euro lordi;
  • Pensioni sopra i 5mila 680 euro lordi: una pensione da 6mila euro aumenta di 72 euro arrivando a 6mila 72 euro al mese.

NB: se una pensione che nel 2023 era sopra le quattro volte minimo non arriva al nuovo tetto (2.394 euro) si rivaluta del 100%.

Rinnovo trattamenti: importi 2024

Per approfondimenti: Circolare INPS 1/2024.