Tratto dallo speciale:

Congedo parentale straordinario, domande al via

di Redazione PMI.it

scritto il

Aggiornate le procedure online, tutti gli aventi diritto possono chiedere il congedo parentale straordinario di 15 giorni per Coronavirus: messaggio INPS.

Tempi brevissimi, come previsto: l’INPS ha aggiornato tutte le procedure per chiedere il congedo parentale straordinario per emergenza Coronavirus disposto dal Cura Italia. Dopo le istruzioni, fornite nei giorni scorso con la circolare 45/2020, arriva la conferma del fatto che sono online le procedure di compilazione e invio delle domande di lavoratori dipendenti del settore privato, lavoratori iscritti alla Gestione separata, e lavoratori autonomi. L’istituto previdenziale lo annuncia con messaggio 1416/2020 del 30 marzo. Fino a questo momento, hanno potuto presentare la richiesta solo i dipendenti del privato con figli fino a 12 anni, utilizzando la procedura ordinaria. Per tutti gli altri casi, l’INPS aveva annunciato che entro fine marzo sarebbero stati effettuati gli aggiornamenti tecnici necessari. Che, in effetti, sono ora online.

=> Congedi Covid19: online istruzioni complete

Si tratta, lo ricordiamo molto in sintesi, di un congedo straordinario di 15 giorni, retribuito al 50%, per i genitori di figli fino a 12 anni, previsto in considerazione della chiusura delle scuole per l’emergenza Coronavirus. Si può utilizzare dallo scorso 5 marzo e per tutto il tempo in cui durerà la chiusura delle scuole. Per i figli fra i 12 e i 16 anni c’è un’altra possibilità di congedo, sempre di 15 giorni, ma senza retribuzione. Non ci sono invece limiti di età (quindi, c’è sempre la retribuzione al 50%) per i figli con disabilità grave.

=> Congedi straordinari Coronavirus al via: la guida INPS

Importante: i genitori appartenenti alle tipologie di lavoratori che non potevano presentare domanda di congedo COVID-19 potranno adesso provvedere, utilizzando i servizi online aggiornati, anche per periodi precedenti la data di presentazione della domanda, purché successivi al 5 marzo 2020.

L’istituto ha anche provveduto ad adeguare le informative presenti nella procedura per l’acquisizione delle domande da parte dei lavoratori dipendenti del settore privato per la fruizione dei permessi dei caregiver di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 104/1992.

=> Permessi e congedi 104, tutte le regole

Attenzione: non si può presentare la domanda di congedo straordinario utilizzando la procedura semplificata recentemente introdotta dall’INPS, che riguarda solo un numero limitato di prestazioni (fra cui, non la richiesta di congedi). Bisogna quindi utilizzare il codice PIN rilasciato dall’Istituto con le regole tradizionali, oppure le credenziali SPID, CIE, CNS.

I servizi sono raggiungibili direttamente dalla home page, oppure dal menù “Prestazioni e servizi”, nell’elenco “Tutti i servizi”, selezionando la lettera “M”, con il titolo “Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata”, e successivamente la lettera “D”, con il titolo “Domande per Prestazioni a sostegno del reddito”, “Disabilità”.

Si può sempre utilizzare il Contact center integrato, attraverso il PIN INPS, chiamando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori), oppure rivolgersi ai patronati.

I Video di PMI

Coronavirus: Guida alle misure anti-lockdown