Lavoro e ferie: classifica dei giorni retribuiti

di Barbara Weisz

scritto il

In quanto a vacanze retribuite, l’Italia è al quarto posto dopo Austria, Portogallo e Spagna. Da noi i lavoratori stanno a casa, retribuiti, 31 giorni l’anno (20 giorni di ferie + 11 di festività): pari merito con la Francia, che ha 30 giorni di ferie ma una sola festività retribuita.

=> Ferie: norme a confronto

Sul podio tre paesi europei, dunque come prevedibile, mentre sorprende il fondo classifica: il paese al mondo in cui i lavoratori hanno meno ferie sono gli Stati Uniti d’America. Gli Usa sono l’unico fra i 21 paesi analizzati dal Report CEPR “No-Vacation Nation Revisited” in cui le ferie retribuite non sono obbligatorie per legge, così come le festività.

Classifica mondiale delle ferie

In Austria, i lavoratori hanno in tutto 35 giorni, 22 lavorativi (in termini assoluti cinque settimane) più 13 festività. Non solo: chi ha almeno 25 anni di anzianità lavorativa, ha altri 6 giorni. I più giovani, invece, hanno solo un mese (quattro settimane). Chi lavora nelle festività ha una maggiorazione del 200% sullo stipendio abituale. Anche in Portogallo, 22 giorni retribuiti e 13 festività nazionali, mentre la Spagna è a quota 34, perché ha una festività nazionale in meno, anche se poi ci sono una o due feste locali.

no-vacation-nation-revisited-fig1-2014-04

I fanalini di coda della classifica sono gli Usa (0 per legge, in media 15 concordate con in datore di lavoro), Giappone (10, 20 dopo sei anni di anzianità lvorativa) e Canada (19).

In Italia i giorni di ferie sono 20 (quattro settimane), più 11 festività nazionali (compresi i santi patroni).

=> Guida alle ferie aziendali

Se si calcolano solo le ferie vere e proprie, la classifica cambia: in testa la Francia con 30 giorni , seguita dalla Gran Bretagna a 28 e dai paesi del nord Europa (Norvegia, Finlandia, Svezia e Danimarca) tutti a quota 25.

__________

Fonte: CEPR No-Vacation Nation Revisited (maggio 2013)