Green Job: UE, obiettivo “colletti verdi”

di Noemi Ricci

scritto il

La rivoluzione verde apre prospettive per l'occupazione: la UE ha posto come obiettivo per il 2020 la creazione di 3 milioni di "colletti verdi", convinta che dietro ogni impiego sia nascosto una potenziale declinazione "green"

Se è vero che la crisi economica ha esacerbato il problema disoccupazione, è altresì condivisa la convinzione che a fungere da misura di contrasto possa essere investire nella Green Economy: grandi le aspettative soprattutto dell’Unione Europea, nei confronti dei lavori verdi al centro della strategia EU2020 per la crescita e l’occupazione.

Secondo una recente relazione, presentata a Strasburgo da Elisabeth Schroedter, dietro ogni posto di lavoro si nasconderebbe un potenziale green nascosto.

Il concetto è che, qualsiasi sia l’attività produttiva svolta, è possibile utilizzare le energie rinnovabili per “alimentarla” e quindi ridurre i consumi e ottimizzare i processi, a beneficio dell’Ambiente e dell’occupazione, quando la svolta green diventa un investimento.

Oltre ai settori delle nuove tecnologie, le fonti rinnovabili trovano infatti applicazione anche nei settori tradizionali come Edilizia e Industria metalmeccanica, ad esempio per mezzo delle pale eoliche.

Ma la buona volontà da sola non basta: secondo la Schroedter, è necessario il supporto della politica mediante l’individuazione di una strategia europea per l’occupazione sostenibile, un quadro regolamentare stabile a lungo termine, introduzione di incentivi fiscali alle Pmi per sensibilizzarle sul tema.

Tra i buoni esempi a livello europeo c’è da segnalare quello della Germania, dove sono già stati creati 250.000 nuovi posti, con l’obiettivo per il 2020 di arrivare a 450.000.

L’obiettivo dell’Unione Europea è in sintesi di arrivare a creare 3 milioni di “colletti verdi” entro il 2020. Secondo Greenpeace la rivoluzione green ha infati un potenziale, addirittura, di 8 milioni di nuovi impieghi nel mondo.

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no