Biomasse: GSE, Certificati Verdi da filiera corta

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Richiedere i Certificati Verdi da filiera corta è possibile fino al 10 aprile 2012: necessario comunicare al GSE quantitativi e tracciabilità delle biomasse.

Gli operatori titolari di impianti alimentati a fonti rinnovabili qualificati IAFR in possesso della certificazione delle biomasse possono richiedere i Certificati Verdi da filiera corta.

In particolare il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, con il supporto delle procedure di controllo dell’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA), comunica al GSE le quantità di biomassa certificata utilizzata dal produttore di energia elettrica.

A questo punto il GSE, se richiesto dall’operatore interessato, riconosce il coefficiente moltiplicativo K 1,8 con le modalità fissate del DM 18/12/2008 e successive modificazioni.

Sul tema è importante ricordare che in virtù della Circolare prot. n. 6693 del 21/03/2012, al fine del riconoscimento del coefficiente moltiplicativo per l’anno 2011 è neecessario provvedere alla richiesta entro il termine del 10 aprile 2012.

Insieme alla richiesta di emissione di CV da filiera corta e documentazione generale è importante comunicare i quantitativi totali di biomassa impiegati e i quantitativi totali di biomassa certificata dal ministero impiegata in impianto nell’anno di riferimento.

Deve inoltre essere allegato il verbale di sopralluogo rilasciato da AGEA ai sensi del DM 2/3/2010 per l’accertamento della tracciabilità delle biomasse, pena il rigetto della domanda e la necessità di presentare nuovamente tutta la documentazione.