Tratto dallo speciale:

Bando Passaporto per l’Export in Lombardia

di Teresa Barone

scritto il

Temporary Export Manager e contributi a favore delle imprese lombarde grazie al bando “Passaporto per l’Export”.

La Regione Lombardia, insieme al sistema Camerale Lombardo, lancia il bando “Passaporto per l’Export” approvato nell’ambito dell’Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo (Asse 1 – Internazionalizzazione).

=> Export: voucher da 10mila euro per le PMI

Misure attivate

Il bando prevede due tipologie di misure a favore delle PMI:

  • TEM in azienda: un Temporary Export Manager assegnato a ciascuna azienda per effettuare attività di coaching (6 giornate in 3 mesi).
  • Dote per l’export: un contributo a fondo perduto per promuovere attività di internazionalizzazione (fino a un massimo di 2mila euro).

«Con questo provvedimento – ha affermato l’assessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini – vogliamo dare un ulteriore aiuto alle nostre imprese per ampliare i propri orizzonti e aprirsi ai mercati internazionali. In questo modo, la grande qualità dei prodotti lombardi potrà essere conosciuta meglio. L’internazionalizzazione è un punto prioritario in questo momento, a pochi giorni dall’apertura di Expo che rappresenta una vetrina e un punto di partenza fondamentale per il nostro sistema economico e imprenditoriale.»

Domande

Possono inoltrare le domande le imprese con quota di fatturato dovuta all’export inferiore al 10% e con sede nelle Province di Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Pavia, Sondrio e Varese, attive nel manifatturiero, edilizia e servizi. Le richieste possono essere inviate dal 16 giugno all’11 settembre 2015.

Il bando è pubblicato sul sito della Regione Lombardia.

=> Leggi tutte le news per le PMI della Lombardia

I Video di PMI