Moratoria debiti Pmi: tavolo per le trattative il 31 gennaio

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Lunedì 31 gennaio parte il tavolo di confronto per un nuovo accordo sulla moratoria dei debiti delle Pmi: proroga, durata dei finanziamenti e rischio tassi.

Il 31 gennaio, giorno della scadenza della moratoria sui debiti delle Pmi, partirà l’atteso tavolo tecnico di confronto per ridefinire l’accordo di congelamento delle rate di mutui e leasing delle piccole e medie imprese: Ministero dell’Economia, ABI e 20 associazioni imprenditoriali firmatarie del precedente accordo del 2009 si riuniranno per trovare misure alternative o stabilire una proroga dei termini per ulteriori sei mesi.

Obiettivo, trovare una soluzione per tamponare il debito delle Pmi vittime della mancata ripresa economica.

Oltre al prolungamento della moratoria fino a fine di luglio, è in discussione la rimodulazione del debito residuo: alle imprese che hanno già beneficiato della moratoria dovrebbe essere data la possibilità di sospendere le rate per un altro anno sui nuovi finanziamenti; per le imprese che non ne hanno beneficiato, invece, dovrebbe essere prevista la riapertura dei termini della moratoria sui finanziamenti in essere.

Non sarà invece possibile prorogare la sospensione dei finanziamenti in essere il cui pagamento delle rate sia già stato sospeso grazie alla moratoria. Per questi casi è al varo la possibilità di ristrutturare il debito con un allungamento a medio lungo termine.

Si parlerà inoltre anche della copertura del rischio tassi sui finanziamenti, attivato con l’utilizzo di strumenti derivati. In questo modo si consentirà alle aziende che hanno contrattato un finanziamento a tasso variabile di trasformarlo in tasso fisso o di inserire un cap.

Sono in tante le Pmi che attendono di sapere l’esito di questo incontro, ricordiamo infatti che a fine ottobre le domande presentate dalla imprese in difficoltà erano circa 183 mila, corrispondente ad un debito residuo di quasi 55 miliardi di euro.


Articoli Correlati:

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali