Tratto dallo speciale:

CdP: 95 mld per imprese, investimenti ed export

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Fino al 2015 il sostegno a imprese, investimenti ed export arriverà dalla Cassa Depositi Prestiti: i dettagli del nuovo piano industriale della società controllata dal Tesoro.

La Cassa Depositi Prestiti (CdP) – società controllata dal Tesoro di cui le Fondazioni bancari possiedono il 18,4% – mobilita 95 miliardi di euro in favore di imprese ed investimenti, proseguendo nel proprio impegno per trovare risorse a favore tanto delle amministrazioni locali che dei settori industriali e dell’export. Si tratta del nuovo piano industriale della società controllata dal Tesoro, approvato fino al 2015. In tutto le risorse impegnate per Amministrazioni Pubbliche, infrastrutture, sostegno alle imprese e al mezzogiorno sono pari al 5% del PIL. => Leggi: CdP garante dei debiti PA dal 2014Già nei primi sei mesi del 2013 la Cassa Depositi Prestiti ha già mobilitato 9 miliardi di euro, pari al +124% rispetto al 2012. Il nuovo piano industriale mette in campo ulteriori 80 miliardi di euro di risorse da qui al 2015, pari al 5% del PIL, con la possibilità di arrivare fino a 95 miliardi di euro. In sostanza, spiega il comunicato gli ulteriori 15 miliardi di euro potranno essere immessi nell’economia attraverso specifici interventi finalizzati all’allargamento del perimetro di attività del gruppo, in analogia con quanto fatto in altri Paesi europei: in tal caso il contributo del gruppo CDP alla crescita dell’Italia sarebbe pari al 2% del PIL all’anno (6% nel triennio)». Le risorse stanziate andranno in favore di: enti pubblici e territorio, 23 miliardi di euro, di cui 2 miliardi di capitale di rischio; infrastrutture, fino a 9 miliardi; imprese, 48 miliardi per crescita ed internazionalizzazione. Particolare attenzione verrà posta sulle PMI e agli strumenti per l’aggregazione, ovvero per le Reti di Imprese.