Tratto dallo speciale:

CdP garante dei pagamenti PA dal 2014

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Un emendamento al decreto Debiti PA estende il ruolo della Cassa Depositi e Prestiti, come finanziatore delle PA su mandato del Ministero: i dettagli.

Un emendamento al decreto Debiti PA, approvato dalla Commissione Bilancio della Camera in fase di conversione in legge prevede la possibilità per la Cassa depositi e Prestiti di rilevare dal 2014 i debiti contratti dalle Pubbliche Amministrazioni nei confronti delle imprese o anche farsi garante di ultima istanza.

Potrebbe poi essere prevista anche la possibilità di cedere una parte dei crediti delle imprese direttamente alla Cassa depositi e prestiti.

Si tratta di una delle modifiche al decreto Debiti PA che dovrebbe accelerare la liquidazione dei 40 miliardi di euro che si stima le imprese vantino a causa dei ritardi nei pagamenti dalle PA.

Il decreto ha istituito il “Fondo per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili” di 4 miliardi di euro che affida alla Cassa depositi e Prestiti su mandato del Ministero dell’economia, il ruolo di finanziatore per gli enti della Pubblica Amministrazione chiamati a rimborsare alle imprese i debiti contratti.

=> Leggi di più su decreto Debiti PA

Gli Enti locali potranno poi restituire alla CdP la somma ricevuta con un mutuo della durata massima di 30 anni.

L’emendamento è stato approvato insieme a quello che prevede la deroga alla possibilità di richiedere i rimborsi dei debiti della PA anche da parte di imprese con DURC irregolare (leggi i dettagli)e alla proposta di modifica per estendere l’ammissibilità per la compensazione tra crediti e debiti fiscali a tutti i ruoli fino a dicembre 2012 (leggi di più)

Così «si apre la strada per andare oltre i 40 miliardi», ha dichiarato soddisfatto il relatore del Pd Marco Causi.

I Video di PMI