Sisma Emilia: nuovo bando da 40mln

di Teresa Barone

scritto il

In arrivo nuove risorse a favore delle imprese emiliane danneggiate dal sisma: corsi di formazione e riqualificazione del personale.

La Giunta della Regione Emilia Romagna mette in campo nuove risorse finalizzate a sostenere la ripresa delle imprese colpite dal sisma dello scorso maggio: si tratta di incentivi per la formazione e per l’occupazione locale, realizzabili grazie ai fondi ricavati dal contributo di solidarietà costituito dalle Regioni italiane attraverso la riprogrammazione dei propri Programmi Operativi del Fondo Sociale Europeo.

=> Sisma Emilia: nasce il sito “open ricostruzione”

Si tratta di risorse che hanno l’obiettivo di valorizzare il lavoro dei cittadini al fine di superare le criticità del territorio: formazione per la qualificazione e l’inserimento lavorativo dei giovani, mobilità transnazionale, sostegno alla nuova occupazione, accompagnamento delle imprese nella ripresa produttiva, innalzamento delle competenze dei distretti e dei comparti produttivi.

«Il nostro obiettivo è non solo arrivare a ripristinare la situazione precedente, ma andare oltre. Intendiamo sostenere la crescita delle competenze dei lavoratori e degli imprenditori, favorire nuova occupazione, qualificare e ampliare l’offerta di formazione tecnica e professionale per giovani e adulti per creare nuovi e migliori posti di lavoro, promuovere la mobilità internazionale.»

=> Sisma in Emilia: bollette rateizzate per 2 anni

Così ha affermato l’assessore regionale alla Formazione e al Lavoro Patrizio Bianchi, annunciando l’attivazione di nuovi corsi di formazione per lavoratori e imprenditori, anche in integrazione alle attività formative già finanziate dai fondi interprofessionali.

Le imprese possono presentare progetti per la formazione dei lavoratori, così come gli enti di formazione accreditati, entro il 12 giugno 2013.

Maggiori informazioni sono pubblicate sul sito Formazione Lavoro

=> Leggi tutte le news per le PMI dell’Emilia Romagna

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali