Finanziamenti PMI e start up da Sanpaolo e Rete Imprese Italia

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Rinnovato l’accordo tra Intesa SanPaolo e Rete Imprese per sostenere la liquidità delle imprese e promuovere le idee di start up; plafond da 5 miliardi di euro per uscire dalla crisi.

Intesa SanPaolo e Rete Imprese Italia (Confartigianato, Cna, Confcommercio, Casartigiani, Confesercenti) hanno rinnovato l’accordo di collaborazione che consentirà maggiore accesso al credito per le PMI.

L’accordo con le 21 banche appartenenti al gruppo Intesa SanPaolo mette sul piatto 5 miliardi di euro di finanziamenti e coinvolge 2,6 milioni di imprese, a beneficio di oltre 11 milioni di addetti.

L’obiettivo della partnership è di agevolare la liquidità aziendale, per proseguire con il consolidamento del debito e con il riposizionamento a medio e lungo termine.

Inoltre si punta alle start up ed alla promozione delle nuove idee imprenditoriali, indispensabili per la ripresa economica nazionale.

L’intesa «guarda allo sviluppo e al futuro delle piccole imprese, motore dell’economia di questo Paese» premiando «un approccio basato sul dialogo e sul confronto rappresenta una vera e propria iniezione di fiducia per le imprese» soprattutto in questo periodo caratterizzato da incertezza e instabilità.

Questo, in sintesi, il pensiero del direttore generale vicario di Intesa SanPaolo Marco Morelli, che si associa alla soddisfazione di Marco Venturi presidente di Confesercenti e Rete Imprese.