Tratto dallo speciale:

Roma: Fondo di garanzia per nuove imprese

di Alessia Valentini

scritto il

Dalla Camera di Commercio di Roma, fondi di garanzia per l'accesso al credito delle nuove imprese avviate da giovani, donne e immigrati.

La Camera di Commercio di Roma ha avviato un bando per favorire l’avvio di impresa: con delibera della giunta della C.C.I.A.A. di Roma n. 129 del 8/6/2011, infatti, è stato approvato il regolamento per l’istituzione di un fondo di garanzia di 10 milioni per sostenere l’imprenditoria giovanile femminile e immigrata.

Il bando è disponibile sul sito della camera di commercio di Roma, nell’area dedicata agli Incentivi e agevolazioni.

Poiché solitamente l’avvio di una attività è complesso, specialmente in caso di mancanza di solide garanzie patrimoniali, viene messo a disposizione un fondo a garanzia dei finanziamenti che verranno concessi dalle banche convenzionate.
Grazie a questo fondo le imprese costituite da non più di 12 mesi possono ottenere un finanziamento dalla banche convenzionate (Banca Marche, Banca di Credito Cooperativo di Roma e Unicredit Banca) attraverso un organismo di garanzia fidi a fronte della presentazione di un progetto d’impresa, che definisca il piano di investimenti necessario ad avviare o sviluppare l’attività.

Per ogni avente dritto, si può accedere ad un finanziamento da 5 a 10 anni fino al 70 % del piano di investimenti, con un al limite massimo di 30.000,00 per le imprese individuali e di 80.000,00 per le società/cooperative a patto che i soldi ricevuti siano utilizzati per investimenti relativi all’acquisto di beni materiali ed immateriali ad utilità pluriennale o per avviamento e/o gestione (escluso il personale) in misura non superiore al 30% del piano di investimenti. I tassi applicati sono Euribor/Euris o tasso di riferimento BCE+Spread.

Possono fare richiesta compilando i moduli appositi, disponili sul sito de camera di commercio, le PMI di qualsiasi settore di attività purché in possesso di tutti i requisiti, ossia iscrizione da non oltre 12 mesi precedenti la presentazione della domanda di ammissione al finanziamento, con sede legale e unità locali ubicate nella provincia di Roma, con iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Roma ed in regola con il pagamento del diritto annuale camerale e appartenenti ad una delle seguenti categorie:

  • ditta individuale, in cui il titolare dell’impresa deve essere un giovane fino al compimento del 36° anno o una donna o un/una immigrato/a;
  • società di persone o società cooperative nelle quali la compagine sociale è costituita per almeno il 60% da giovani fino a 36 anni e/o da donne e/o immigrati;
  • società di capitali nelle quali il capitale sociale è detenuto, per almeno due terzi, da giovani fino a 36 anni e/o da donne e/o immigrati e l’organo amministrativo è composto, per almeno due terzi, da giovani fino a 36 anni e/o da donne e/o immigrati

I requisiti devono essere posseduti al momento della domanda e devono essere mantenuti per tutto il periodo di ammortamento del finanziamento.

Sono escluse dai benefici le imprese in fallimento, liquidazione coatta, concordato preventivo e quelle in cui uno dei precedenti provvedimenti sia stato anche solo avviato.

Le domande saranno valutate per stabilire i requisiti, verificare il merito agevolativo e saranno poi trasferite al Confidi prescelto dal proponente. I confidi istruiranno le domande ricevute effettuando la valutazione del merito creditizio e inoltrando alla banca le domande pervenute ritenute meritevoli di essere accolte. A loro volta le banche termineranno la documentazione necessaria per la definizione della propria istruttoria e se o riterranno opportuno potranno concedere il finanziamento.

Tutte le nuove imprese possono inoltre beneficiare dei servizi per lo start up e lo sviluppo di impresa presso la Camera di commercio di Roma, che consistono nell’assistenza per la definizione e redazione del progetto (business plan), assistenza amministrativa, verifica della fattibilità economico finanziaria e monitoraggio del progetto realizzato in termini di attività di tutoraggio.

Ricordiamo che allo sportello Nuovaimpresaroma presso la sede della Camera di Commercio di Via Capitan Bavastro, 116 , 2° piano, stanza 208, sarà possibile effettuare ulteriori domande e ottenere tutti gli opportuni chiarimenti. L’importante è andare la mattina fino alle 12,30.

Non vi sono termini o scadenze per la presentazione delle domande ma ovviamente il limite è costituito dalla disponibilità delle risorse economiche stanziate, esaurite le quali non saranno più accettate domande.

A tal fine si precisa che la Camera di commercio si impegna a costituirsi fideiussore per 10 Ml di € a garanzia delle imprese associate ai Confidi per le linee di credito concesse dalle banche, ma le banche metteranno a disposizione un plafond complessivo di risorse finanziarie pari a 10 volte l’importo globale della fidejussione destinato alla concessione di finanziamenti per le PMI giudicate meritevoli.