Appalti pre-commerciali per l’innovazione in Sardegna

di Teresa Barone

scritto il

Risorse per la promozione di appalti pre-commerciali a favore delle imprese sarde.

Ammonta a 14 milioni di euro il plafond di risorse messe a disposizione dalla Regione Sardegna, nel Por Fesr 2014/20, per gli appalti pre-commerciali promossi dalla Commissione UE nella strategia “Europa 2020” per promuovere l’innovazione coinvolgendo le imprese del territorio.

=> Appalti: il Ddl delega premia le microimprese

Appalti pre-commerciali

Attraverso questa tipologia di appalti, le PA possono acquistare servizi di ricerca, sviluppo e innovazione richiedendoli alle imprese locali, scegliendo poi l’offerta più vantaggiosa. La Sardegna è la quinta a sperimentare questo nuovo strumento in grado di portare benefici alle stesse imprese, favorendo internazionalizzazione, ricerca e sviluppo.

Come ha affermato l’assessore della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci:

«La parola d’ordine è competizione. Sono ancora troppo poche le imprese sarde che vincono gli appalti della pubblica amministrazione, ma questo non significa che si deve ricorrere a quote e riserve per garantire risultati. Per vincere, le imprese devono essere efficienti, preparate, competitive, migliori delle altre e dunque per queste ragioni aggiudicarsi gli appalti. Per aiutare le imprese sarde servono preparazione, laboratori, test, confronto continuo e aggiornamento costante: così possono e devono vincere gli appalti, per fortuna è finito il tempo degli aiuti di Stato.»

=> Leggi tutte le news per le PMI della Sardegna

I Video di PMI

Come consultare i bandi regionali